Tavola Ritonda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tavola Ritonda
Titolo originaleIl libro delle istorie della Tavola Ritonda, e di messere Tristano e di messere Lancillotto e di molti altri cavalieri
Autoreanonimo pisano
1ª ed. originaleprima metà del XIV secolo d.C.
1ª ed. italiana1446
Genereromanzo
SottogenereLetteratura cavalleresca
Lingua originale toscano medievale
AmbientazioneInghilterra, Francia, Medioevo europeo
PersonaggiTristano e Isotta, Lancillotto e Ginevra, Artù, Dinadano
SerieCiclo arturiano

La Tavola Ritonda (titolo completo: Il libro delle istorie della Tavola Ritonda, e di missere Tristano e di missere Lancillotto e di molti altri cavalieri) è un manoscritto miniato medievale, prodotto culturale dell'ambiente delle corti padane.

Conservato presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze (Codex Palatinus 556), il manoscritto, per i suoi contenuti, appartiene alla tradizione letteraria della Materia di Bretagna.

Il manoscritto, che reca la data del 20 luglio 1446, fu realizzato dal copista Zuliano degli Anzoli e dai suoi collaboratori. Opera di grande pregio, sia letterario sia artistico, la tavola Ritonda comprende 289 illustrazioni, quasi interamente disegnate a penna, per le quali, oltre a Zuliano degli Anzoli, si è ipotizzata la mano di Bonifacio Bembo o di suo fratello Ambrogio[1].

Non è noto il destinatario dell'opera: si è ipotizzata una committenza dei Gonzaga, dei Visconti, o del condottiero Pier Maria II de' Rossi.

Edizioni e traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • La Tavola Ritonda o l'istoria di Tristano, 2 volumi, a cura di Filippo Luigi Polidori, presso Gaetano Romagnoli, Bologna, 1864-5
    • ried.: Marie-José Hejkant (a cura di), La Tavola Ritonda, testo critico di F. L. Polidori, Collana Biblioteca Medievale, Luni Editrice, Milano-Trento, 1997 ISBN 978-88-79-84047-7
  • Tristan and the Round Table. A Translation of the Tavola Ritonda, traduzione introduzione e note di Anne Shaver, Medieval & Renaissance Texts and Studies, Center for Medieval and Early Renaissance Studies, State University of New York in Binghamton, N.Y., 1983
  • Tavola Ritonda. A cura di Emanuele Trevi, Collana Classici, Rizzoli, Milano, 1999 ISBN 978-88-17-18944-6; Collana I Grandi Classici della Letteratura Italiana, 2 voll., Fabbri Editore, Milano, 2002
  • Roberto Cardini (a cura di), La Tavola Ritonda, con riproduzione facsimile in quadricromia e un volume di saggi, con trascrizione del testo e commenti, Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani, 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marzia Faietti, La Tavola Ritonda. Zuliano degli Anzoli e la bottega del Bembo, in: Roberto Cardini (a cura di), La Tavola Ritonda. Trascrizione e commenti, Treccani, 2009 (pp. 59-83)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]