Tavola Ritonda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tavola Ritonda
Titolo originale Il libro delle istorie della Tavola Ritonda, e di messere Tristano e di messere Lancillotto e di molti altri cavalieri
Autore anonimo pisano
1ª ed. originale prima metà del XIV secolo d.C.
1ª ed. italiana 1446
Genere romanzo
Sottogenere Letteratura cavalleresca
Lingua originale toscano medievale
Ambientazione Inghilterra, Francia, Medioevo europeo
Personaggi Tristano e Isotta, Lancillotto e Ginevra, Artù, Dinadano
Serie Ciclo arturiano

La Tavola Ritonda (titolo completo: Il libro delle istorie della Tavola Ritonda, e di missere Tristano e di missere Lancillotto e di molti altri cavalieri) è un manoscritto miniato medievale, prodotto culturale dell'ambiente delle corti padane.

Conservato presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze (Codex Palatinus 556), il manoscritto, per i suoi contenuti, appartiene alla tradizione letteraria della Materia di Bretagna.

Il manoscritto, che reca la data del 20 luglio 1446, fu realizzato dal copista Zuliano degli Anzoli e dai suoi collaboratori. Opera di grande pregio, sia letterario sia artistico, la tavola Ritonda comprende 289 illustrazioni, quasi interamente disegnate a penna, per le quali, oltre a Zuliano degli Anzoli, si è ipotizzata la mano di Bonifacio Bembo o di suo fratello Ambrogio[1].

Non è noto il destinatario dell'opera: si è ipotizzata una committenza dei Gonzaga, dei Visconti, o del condottiero Pier Maria II de' Rossi.

Edizioni e traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • La Tavola Ritonda o l'istoria di Tristano, 2 volumi, a cura di Filippo Luigi Polidori, presso Gaetano Romagnoli, Bologna, 1864-5
    • ried.: Marie-José Hejkant (a cura di), La Tavola Ritonda, testo critico di F. L. Polidori, Collana Biblioteca Medievale, Luni Editrice, Milano-Trento, 1997 ISBN 978-88-79-84047-7
  • Tristan and the Round Table. A Translation of the Tavola Ritonda, traduzione introduzione e note di Anne Shaver, Medieval & Renaissance Texts and Studies, Center for Medieval and Early Renaissance Studies, State University of New York in Binghamton, N.Y., 1983
  • Tavola Ritonda. A cura di Emanuele Trevi, Collana Classici, Rizzoli, Milano, 1999 ISBN 978-88-17-18944-6; Collana I Grandi Classici della Letteratura Italiana, 2 voll., Fabbri Editore, Milano, 2002
  • Roberto Cardini (a cura di), La Tavola Ritonda, con riproduzione facsimile in quadricromia e un volume di saggi, con trascrizione del testo e commenti, Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani, 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marzia Faietti, La Tavola Ritonda. Zuliano degli Anzoli e la bottega del Bembo, in: Roberto Cardini (a cura di), La Tavola Ritonda. Trascrizione e commenti, Treccani, 2009 (pp. 59-83)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]