Tashi Namgyal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Tashi Namgyal
Chogyal del Sikkim
Stemma
Stemma
In carica5 dicembre 1914 –
2 dicembre 1963
Incoronazione1914
PredecessoreSidkeong Tulku Namgyal
SuccessorePalden Thondup Namgyal
NascitaKurseong, 26 ottobre 1893
MorteCalcutta, 2 dicembre 1963 (70 anni)
DinastiaNamgyal
PadreThutob Namgyal
MadreYeshay Dolma
ConsorteKunzang Dechen
FigliPalden Thondup Namgyal
ReligioneBuddhismo

Tashi Namgyal (Kurseong, 26 ottobre 1893Calcutta, 2 dicembre 1963) fu chogyal del Sikkim dal 1914 fino alla sua morte.

Tashi Namgyal fu l'11º regnante del Sikkim della dinastia Namgyal, succedendo al suo fratellastro Sidkeong Tulku Namgyal che aveva governato dal febbraio al dicembre del 1914 e che era poi morto improvvisamente per un attacco cardiaco. Nato in Tibet e coronato dal 13º dalai lama Thubten Gyatso, egli aveva studiato nella giovinezza giurisprudenza sino a laurearsi divenendo un chiaro uomo di legge e, nell'interesse dello stato, aveva mantenuto moltissimi legami con l'India.

Durante la sua vita, egli favorì molto i legami diplomatici tra Sikkim, India e Tibet, anche se alcuni storici attribuiscono la sua morte ad una cospirazione segreta dell'India[1].

Nell'ottobre del 1918 sposò Kunzang Dechen e la coppia ebbe tre figli e tre figlie. Alla sua morte venne succeduto dal figlio primogenito Palden Thondup Namgyal.

Circa dieci anni dopo la sua morte suo figlio Palden Thondup Namgyal venne formalmente deposto dal popolo del Sikkim che votò in un referendum per aderire all'Unione Indiana e come tale ebbe fine la monarchia nel Sikkim.

Dal suo matrimonio ebbe i seguenti eredi:

  • Kunzong [Choley] Paljor Namgyal (25 novembre 1921 - 20 dicembre 1941), ufficiale dell'aeronautica, prestò servizio nella seconda guerra mondiale. Fu ucciso in servizio a Peshawar nel 1941.
  • Pema Tsedong Namgyal [Kuku La] (Darjeeling, 6 settembre 1924 - Lhasa, Tibet, ottobre 1943), sposò Gompu Tsering Tendup (m. prima del 1961), figlio di Sawang Phunkhang, primo ministro del Tibet e discendente dalla famiglia del 12º Dalai Lama.
  • Chempo Palden Thondup Namgyal, succedette al trono paterno.
  • Jigdal Tsewing Namgyal (23 agosto 1928 - ?).

Onorificenze straniere[2]

[modifica | modifica wikitesto]
Compagno dell'Ordine dell'Impero Indiano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere Commendatore dell'Ordine dell'Impero Indiano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere Commendatore dell'Ordine della Stella d'India (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia d'oro del Delhi Durbar del 1911 (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia del giubileo d'argento di Giorgio V (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia dell'Incoronazione di Giorgio VI (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Chogyal del Sikkim Successore
Sidkeong Tulku Namgyal 19141963 Palden Thondup Namgyal
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie