Sultanato delle donne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Sultanato delle Donne (lingua turca Kadınlar Saltanatı) è un periodo di 130 anni della storia dell'Impero ottomano, svoltosi a cavallo tra XVI e XVII secolo dell'Era cristiana, durante il quale le donne del harem del sultano ottomano esercitarono un enorme controllo sulla vita politico-militare del dominio osmanide approfittando dell'inettitudine degli autocrati regnanti ad Istanbul. Apertasi durante gli anni finali del regno di Solimano il Magnifico, enormemente influenzato dalla sua ultima consorte, la russa Roxelana[1], il Kadınlar Saltanatı vide una lunga serie di regine-madri (tu. valide sultan) e regine-consorti (tu. haseki) contendersi il potere nell'ombra di sultani fanciulli e/o troppo inetti per governare. La maggior parte di queste donne, cosa affatto inconsueta nel costume ottomano, erano schiave del sultano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P. S. Garbol, The Women's Sultanate, Xlibris Corporation, 29 dicembre 2009, p. 12, ISBN 978-1-4535-1607-2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]