Stefano Frassetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Stefano Frassetto (Torino, 1º ottobre 1968) è un fumettista e illustratore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce come illustratore e vignettista a metà anni novanta per il settimanale Il Nostro Tempo[1].

Nel 2005 crea la striscia Ippo che viene pubblicata sul settimanale a fumetti Il Giornalino. Protagonisti un bambino goffo con grandi occhiali e il suo gruppo di amici [2] .

Nel 2011 nasce la striscia 35MQ che narra le vicende di due ragazzi dal carattere diametralmente opposto che dividono un appartamento situato in un quartiere decadente di una grande città.[3]

35MQ trova spazio sul quotidiano svizzero 20 Minuti, come accade poco tempo dopo per Ippo.[4]

All’attività di fumettista l’autore alterna quella di illustratore. I suoi ritratti sono regolarmente pubblicati su diversi quotidiani italiani ed esteri tra cui La Stampa, Libération e Le Temps.[5]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Frassetto, 35MQ - idioti in condominio, in Zodiaco, Comma 22, 30 ottobre 2014, ISBN 9788865031070.
  • Stefano Frassetto - Pierpaolo Rovero, Gate 22, il domani altrove, Pavesio Editore 2007, ISBN 9788862330008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dino Aloi, Fumettisti in Piemonte, Il Pennino Editore, 2014.
  2. ^ Loris Cantarelli, Il glorioso Giornalino, Comicon Edizioni 2014..
  3. ^ Sal Feo, "Faccio fumetti, ma su due cose non scherzerei mai", su tio.ch.
  4. ^ Alessio Bilotta, U come Umorismo, Slow Comix Editore 2016..
  5. ^ Lorenzo Barberis, "Stefano Frassetto, dal Giornalino a Libération"., su lospaziobianco.it.