Steatopigia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Donna della tribù Khoikhoi (Ottentotti)
Venere di Willendorf

Per steatopigìa si intende il carattere di spiccata lordosi lombare di alcune costituzioni fisiche e la tendenza ad accumulare adipe sui glutei e sulle cosce. La steatopigia è tipica delle donne di alcune etnie africane come quella dei popoli di lingua khoisan. Spesso è stata riscontrata nelle veneri scolpite nel neolitico denominate per questo anche "veneri steatopigie".

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

La steatopigia è una caratteristica genetica di certe popolazioni africane, come, in particolare, i khoisan ed i pigmei dell'Africa centrale. Nei khoisan si presenta nella sua forma più tipica, spesso associata alla macroninfia (allungamento atipico delle piccole labbra), ma la steatopigia è diffusa in molte altre popolazioni africane, come nei basters di Rehoboth dove è associata alche al genere maschile e presso gli onge delle isole Andaman. Sembrerebbe un tratto tipico delle popolazioni originarie dall'Africa orientale (dal golfo di Aden al capo di Buona Speranza), fra cui gli hadza, i khoikhoi ed i boscimani.

La steatopigia è quasi sempre più acute nelle donne che negli uomini.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina