Stazione di Eccellente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eccellente
stazione ferroviaria
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàEccellente, frazione di Francavilla Angitola
Coordinate38°48′34.56″N 16°13′57.72″E / 38.8096°N 16.2327°E38.8096; 16.2327Coordinate: 38°48′34.56″N 16°13′57.72″E / 38.8096°N 16.2327°E38.8096; 16.2327
Lineeferrovia Tirrenica Meridionale
Caratteristiche
Tipoposto di movimento, in superficie
Stato attualein uso
Binari5

La stazione di Eccellente è un posto di movimento e stazione di diramazione, non per servizio pubblico, della Tirrenica Meridionale; è lo scalo ferroviario in cui si dirama il vecchio tracciato a semplice binario per Vibo Marina, Pizzo e Tropea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione venne costruita alla fine degli anni sessanta in seguito ai lavori di raddoppio del tracciato della ferrovia Tirrenica nel tratto tra la stazione di Lamezia Terme Centrale e la stazione di Rosarno, la cosiddetta Direttissima, allo scopo di realizzare il controllo del traffico dato che ivi era stato previsto il punto di diramazione tra il nuovo e il vecchio tracciato. Il progetto di costruzione previde un'ampia stazione provvista di binari di precedenza e di ricovero merci sufficiente al traffico al tempo molto sostenuto di prodotti agricoli provenienti da Sicilia e sud Calabria. Dal 1972 la stazione divenne di passaggio tra doppio e semplice binario in seguito all'attivazione del raddoppio da e per Rosarno; da essa si proseguiva in deviata a binario unico verso Vibo, Pizzo, Tropea e Nicotera.

Il 21 novembre 1980 avvenne l'incidente ferroviario tra Curinga ed Eccellente: alle prime luci dell'alba l'espresso 587 deragliava nei pressi della stazione dopo aver tamponato un gruppo di 28 carri merci staccatisi da un treno merci che era partito poco prima da Lamezia diretto a Villa San Giovanni. Poco dopo l'espresso 588 che viaggiava verso nord investiva le vetture deragliate provocando ventotto morti ed un centinaio di feriti.[1]

Originariamente stazione, fu trasformata in posto di movimento[2] il 12 dicembre 2010[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Video Rai.TV - TG3 - 30 anni dopo.
  2. ^ RFI, Fascicolo orario 142 Battipaglia – Reggio di Calabria, pp. 85-87.
  3. ^ Impianti FS, in "I Treni" n. 333 (gennaio 2011), pp. 6-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]