Stato del Vietnam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stato del Vietnam
Stato del Vietnam – BandieraStato del Vietnam - Stemma
(dettagli)(dettagli)
Vietnam in its region.svg
Dati amministrativi
Nome ufficialeQuốc gia Việt Nam
Lingue ufficialivietnamita
CapitaleSaigon
Politica
Forma di governoStato associato all'Unione Francese
Imperatore del VietnamBảo Đại
Nascita14 giugno 1949 con Bảo Đại
Fine26 ottobre 1955 con Bảo Đại
Territorio e popolazione
Bacino geograficoAsia
Massima estensione329 806 k nel 1949
Economia
Valutapiastre
Religione e società
Religioni preminentibuddismo
Religioni minoritariecattolicesimo
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of Colonial Annam.svg Indocina francese
Succeduto daVietnam del Sud Vietnam del Sud
Vietnam del Nord Vietnam del Nord

Lo Stato del Vietnam (in vietnamita: Quốc gia Việt Nam) fu uno Stato creato in Indocina dalla Francia nel 1949, durante la Guerra d'Indocina, come membro dell'Unione francese, guidato formalmente dall'ex imperatore Bảo Đại e che reclamava la propria sovranità sull'intero territorio vietnamita in contrapposizione alla Repubblica Democratica del Vietnam. Dopo la fine della guerra, Bảo Đại fu estromesso attraverso un referendum dal proprio primo ministro Ngô Đình Diệm che proclamò se stesso presidente del nuovo Stato della Repubblica del Vietnam.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Unificazione del Vietnam (1947-1948)[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio del 1947, dopo il ritorno delle forze coloniali francesi nel Tonchino e nella capitale Hanoi, l'intero territorio vietnamita tornò sotto controllo francese. Il movimento nazionalista Việt Minh si rifugiò nelle zone montuose al confine con la Cina per continuare la guerra di indipendenza.[1]

Al fine di ridurre l'influenza sulla popolazione vietnamita del Việt Minh e del suo leader Hồ Chí Minh, le autorità francesi in Indocina sostennero il ritorno al potere dell'imperatore Bảo Đại, ultimo sovrano della dinastia Nguyễn. Quest'ultimo era stato costretto ad abdicare dai Việt Minh il 25 agosto 1945, dopo la caduta dell'Impero del Vietnam, stato fantoccio sorto sotto occupazione giapponese durante la seconda guerra mondiale.[1]

Gli accordi della baia di Halong del 5 giugno 1948 (accords de la baie d'Along) consentirono la creazione di uno Stato che unificava l'intero territorio vietnamita, in sostituzione dei precedenti stati del Tonchino, Annam e Cocincina, nello Stato del Vietnam associato con la Francia all'interno dell'Unione francese.[1][2]

Unione Francese (1949-1954)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la dichiarazione d'indipendenza del 14 giugno 1949 in base agli accordi dell'Eliseo (accords de l'Elysée), supportati dagli USA, lo Stato del Vietnam godette di una limitata autonomia come stato associato all'Unione Francese, ebbe un proprio esercito che partecipò alla guerra d'Indocina al fianco della Francia e fu riconosciuto dagli Stati Uniti d'America nel 1950.[1][2]

Partizione del territorio (1954-1955)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la Conferenza di Ginevra del 1954, lo Stato del Vietnam divenne completamente indipendente, uscendo dall'Unione Francese, ma con il territorio limitato a quello a meridione del 17º parallelo, per cui divenne noto come Vietnam del Sud.[3]

Referendum del 1955[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1955, l'allora primo ministro Ngô Đình Diệm, col favore degli USA, promosse un referendum popolare sul futuro dello Stato, referendum che, controllato e manipolato da Diệm stesso, col 98,2% dei voti (rigettando il consiglio statunitense di limitare il successo a un più credibile 60-70%, in alcune provincie i voti favorevoli eccedettero il numero degli aventi diritto al voto) costrinse Bảo Đại a lasciare la guida dello Stato a favore della creazione della Repubblica del Vietnam, della quale il 26 ottobre dello stesso anno Diệm si autoproclamò presidente.[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d David L. Anderson, p. 19.
  2. ^ a b Stanley Karnow, pp. 174, 175, 190.
  3. ^ Stanley Karnow, p. 204.
  4. ^ David L. Anderson, pp. 130, 131.
  5. ^ Stanley Karnow, p. 224.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David L. Anderson, The Vietnam War and Its Enduring Historical Relevance, in David L. Anderson (a cura di), The Columbia History of the Vietnam War, New York, Columbia University Press, 2011, ISBN 978-0-231-13480-4.
  • (EN) Stanley Karnow, Vietnam: a history, New York, Penguin Books, 1984, ISBN 0-14-007324-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]