Stadler KISS

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stadler KISS
Elettrotreno
Coppet 23.07.2015 (19781494489).jpg
RABe 511 a Coppet
Velocità massima omologata 160 km/h (KISS160)
200 km/h (KISS200)
Dati tratti da:
KISS160, su Stadler.
KISS200, su Stadler.

I KISS (acronimo dal tedesco Komfortabler Innovativer Spurtstarker S-Bahn-Zug, treno suburbano confortevole, innovativo e scattante) sono una famiglia di elettrotreni a due piani, prodotti dalla società svizzera Stadler Rail[1].

I KISS, originariamente denominati DOSTO (dal tedesco Doppelstock, "doppio piano"), vennero progettati a partire dal 2004, con l'obiettivo di aprire alla Stadler il mercato dei treni a grande capacità[senza fonte].

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

KISS160[modifica | modifica wikitesto]

Il KISS160 è la versione progettata per il sevizio regionale, con una velocità massima di 160 km/h[1].

I primi esemplari furono ordinati nel 2008 dalle Ferrovie Federali Svizzere, per l'esercizio sulla S-Bahn di Zurigo. Successivamente sono stati ordinati anche da altre compagnie ferroviarie, per l'esercizio sulle linee ad alto traffico nelle regioni metropolitane[1].

KISS200[modifica | modifica wikitesto]

Il KISS 200 è la versione progettata per il servizio di tipo InterCity, con una velocità massima di 200 km/h[2].

Il primo lotto di veicoli è stato acquistato dall'austriaca WESTbahn nel 2011[2].

Unità prodotte[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo Immagine Società Anno Quantità Casse
RABe 511
SBB RABe 511 Tössmühle.jpg
Svizzera FFS 2011-... 50 6
4010
WESTbahn KISS bei Sulgen.jpg
Austria WESTbahn 2011 7 (+10 ordinati[3]) 6
RABe 515
BLS RABe 515 009 Thun 2108113.jpg
Svizzera BLS 2012 28 4
RABe 511
RABe 511 in Renens (rear).JPG
Svizzera FFS 2012-... 24 4
445/446
ET 445100 ODEG cerhenice 2012.jpg
Germania ODEG 2012 16 4
WestfalenBahn ET603 Minden 1703110902.jpg
Germania WestfalenBahn 2015-... 13 6
2300
Stadler KISS of CFL in Trier in July 2014.jpg
Lussemburgo CFL 2014 8 (+13 ordinati) 3

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c KISS 160, su Stadler. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  2. ^ a b KISS 200, su Stadler. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  3. ^ (DE) Westbahn acquista nuovi treni, derStandard.at, 11 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti