Temperamento equabile: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
(Annullata la modifica 48695958 di 79.24.144.14 (discussione))
 
In realtà, nella prassi musicale contemporanea, il temperamento equabile, più che soppiantare, ha affiancato i temperamenti inequabili. A causa della loro complessità di accordatura, e vista la necessità di eseguire frequentemente musica contemporanea, alcuni strumenti ad intonazione fissa ([[pianoforte]], [[Arpa (strumento musicale)|arpa]] moderna) lo adottano quasi sempre, pur con la conseguente perdita di espressività nella musica precedente il Novecento. Altri strumenti ad intonazione fissa ([[Organo (musica)|organo]], [[Arpa (strumento musicale)|arpe]] antiche, [[clavicembalo]]), più legati a tradizioni musicali precedenti, adottano a tutt'oggi temperamenti inequabili, in quanto solo così è possibile evidenziare contrasti che altrimenti andrebbero perduti. Gli [[strumenti ad arco]] ed i [[legni]] possono suonare sia secondo il temperamento equabile, sia variare l'altezza delle note di ogni singolo accordo per ottenere gli intervalli naturali, come si fa sistematicamente nella polifonia vocale.
Alcuni strumenti, come la tromba naturale e il corno naturale, sono costruiti per emettere esclusivamente note armoniche (ossia frequenze multiple intere di una singola nota fondamentale). Questi strumenti suonano quindi secondo la [[Temperamento Naturale|scala naturale]]; nel corno è possibile correggere l'intonazione delle note inserendo la mano destra nel padiglione dello strumento (tecnica attestata a partire dal 1750, e oggi di uso corrente anche nel corno a pistoni). Nella moderna tromba a pistoni il problema di correggere l'intonazione dalla scala naturale al temperamento equabile si pone per quelle note che si ottengono direttamente come armonici, e alcuni modelli di tromba includono piccole ''coulisses'' addizionali per permettere tale correzione.
 
==Note==
Utente anonimo

Menu di navigazione