Incisioni rupestri: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
Scalate di un "=" le sezioni, wikificato inzio
(Scalate di un "=" le sezioni, wikificato inzio)
{{w}}
Le '''incisioni rupestri''' sono segni scavati nella [[roccia]] con strumenti appuntiti di vario genere come una punta di roccia più dura a forma di scalpello con una tecnica di picchiettatura, guidata o meno da un persussore o una punta metallica, tipo [[pugnale]], di [[bronzo]] o di [[ferro]], usando una tecnica di raschiatura. <br />
<br>
Le figure formate da una fitta concentrazione di buchi, potevano essere ricoperte di sostanze coloranti.
<br />
Si trovano incisioni rupestri ancestrali a partire da quando è comparso l'[[uomoHomo sapiens]], fino in epoca recente. <br /> Solitamente si trovano in tutto il mondo, in alpeggi da pascolo, vicino a fonti e a laghi.
 
<br>
Le incisioni rupestri rappresentano sia realtà della vita quotidiana [[PastorePastorizia|pastorale]] e [[AgricoltoreAgricoltura|agricola]], che figure [[Simbolo|simboliche]] prodotte della [[fantasia]]. Molti autori ne danno un'[[Codice|interpretazione]] [[Magia|magico]] [[Simbolo|simbolica]] [[Sciamanesimo|sciamanica]] [[Rito|rituale]] [[ReligiosoReligione|religiosa]]. Certemente non mancano figure con questi significati ma la maggior parte delle figure sembra fatta per passatempo da pastori fermi a guardia di [[Gregge|greggi]] che pascolavano nei dintorni o che si abbeveravano.
Solitamente si trovano in tutto il mondo, in alpeggi da pascolo, vicino a fonti e a laghi.
 
<br>
Il momento migliore per vederle è l'alba, o al tramonto, quando i raggi del Sole radente creano un'ombra marcata che le rende visibili in modo immediato. <br />
Le incisioni rupestri rappresentano sia realtà della vita quotidiana [[Pastore|pastorale]] e [[Agricoltore|agricola]], che figure [[Simbolo|simboliche]] prodotte della [[fantasia]]. Molti autori ne danno un'[[Codice|interpretazione]] [[Magia|magico]] [[Simbolo|simbolica]] [[Sciamanesimo|sciamanica]] [[Rito|rituale]] [[Religioso|religiosa]]. Certemente non mancano figure con questi significati ma la maggior parte delle figure sembra fatta per passatempo da pastori fermi a guardia di [[Gregge|greggi]] che pascolavano nei dintorni o che si abbeveravano.
E'È permesso [[Fotografia|fotografarle]], si sconsiglia l'uso del flash, che le fa scomparire, a meno di poterlo staccare per ottenere un lampo radente. <br />
<br>
Un tempo si poteva fare dei calchi con la [[plastilina]] o [[stucco da vetro]], mischiata ad abbondante [[borotalco]] per renderla meno adesiva, e olio per renderla più plastica, altrimenti rimane attaccata alla roccia e si stira.
Il momento migliore per vederle è l'alba, o al tramonto, quando i raggi del Sole radente creano un'ombra marcata che le rende visibili in modo immediato.
 
<br>
E' permesso [[Fotografia|fotografarle]], si sconsiglia l'uso del flash, che le fa scomparire, a meno di poterlo staccare per ottenere un lampo radente.
<br>
Un tempo si poteva fare dei calchi con la plastilina o stucco da vetro, mischiata ad abbondante borotalco per renderla meno adesiva,
e olio per renderla più plastica, altrimenti rimane attaccata alla roccia e si stira.
<br>
Attualmente questi [[Sito archeologico|siti archeologici]] sono passati sotto il controllo delle varie sovraintendenze alle [[Belle Arti]], per cui qualsiasi intervento diretto, deve essere preventivamente autorizzato. Solitamente nei negozi dei paesi circostanti, se ne trova qualcuno che vende prodotti senza alcuna attinenza all'archeologia ma che per passione del commerciante tiene in mostra riproduzioni calchiformi che mette in vendita sottobanco.
 
==Luoghi di ritrovamento==
 
=== Italia ===
In [[Italia]] sono molti i siti in cui si trovano incisioni rupestri, specialmente nell'[[Alpi|arco alpino]].
 
<br>
Sono state fatte in un 'arco di tempo di circa 3.000 anni, dal 3000 a.C. Questa tradizione si è interrotta in coincidenza con la conquista romana delle Alpi.
 
==== Liguria ====
L'[[Appennino Ligure]] occidentale è disseminato di siti dove si trovano incisioni rupestri. Sono documenti risalenti all'eta [[Neolitico|Neolitica]] e del [[Età del ferro|Ferro]].
 
[[Immagine:Orco-Feglino_-_Savona_-_Italia_-_1965_-_Ciappo_conche_paints.jpg|thumb|Disegno delle incisioni rupestri al Ciappo delle Conche]]
===== Ciappo delle conche =====
Il Ciappo (pietra) delle conche, (in genovese detta Ciappo de Cunche) é un sito archeologico preistorico, costituito su un lastrone di pietra di circa 30 metri quadrati, con incise 30 figure e scavate 7 vaschette, sulle alture di [[Finale Ligure]], in prossimità di [[Orco Feglino]].
 
[[Immagine:Finale_Ligure_-_Savona_-_Italia_-_2005_-_Ciappo_conche_approccio.jpg|thumb|Approccio al Ciappo delle Conche]]
======Accesso======
Da Finale Ligure si prende la carrozzabile per Orco Feglino, quando si arriva a Nord del [[Monte Cucco]], c’è una cava vicino alla località Castello e si lascia l’auto.
 
<br>
Dalla strada al Ciappo delle Conche c’è una distanza di circa 600 metri che si copre a piedi in 30 minuti. Dalla cava si prosegue a piedi per breve tratto, circa 100 metri verso Sud Est, tenendo d’occhio una [[mulattiera]] (solitamente segnalata da tre bolli rossi affiancati), che si diparte sulla destra e che sale direttamente lungo la parete Nord sul Monte Cucco, per un dislivello di 80 metri. <br />
Arrivati in cima la mulattiera finisce e si prosegue su un sentiero che va degradando verso Sud e dopo breve si incontra il Ciappo delle Conche, che si riconosce per essere un ampio spiazzo con una vasca larga circa un metro quadrato. <br />
<br>
Arrivati in cima la mulattiera finisce e si prosegue su un sentiero che va degradando verso Sud e dopo breve si incontra il Ciappo delle Conche, che si riconosce per essere un ampio spiazzo con una vasca larga circa un metro quadrato.
<br>
Su questo lastrone roccioso degradante verso Sud, si trovano tutte le incisioni rupestri, che col Sole alto si vedono molto poco.
 
======Morfologia======
I graffiti sono profondi e fatti su una roccia con una superficie aspra. L'altezza delle figure varia da pochi centimetri a più di un metro e si distinguono in tre categorie:
#segni cruciformi, interpretate come immagini simboliche dell'uomo
#sistemi di vaschette, per raccogliere acqua piovana o altri liquidi.
 
=====Ciappo dei ceci=====
Si trova a circa un chilometro più a Sud del Ciappo delle Conche e contiene lo stesso tipo di figure.
 
[[Immagine:Finale Ligure - Savona - Italia - 2005 - Ciappo del Sale ubicazione.jpg|thumb|Itinerario per il Ciappo del Sale a Rocca degli Uccelli vicino a Finale Ligure]]
 
===== Ciappo del Sale =====
Il Ciappo del Sale (in genovese detto ("Ciappu du Sa"), è una formazione rocciosa che presenta incisioni rupestri. Si trova nell'immediato entroterra del finalese, a 320 metri sul livello del mare, vicino al paese di Portio Revelli, in località Rocca (degli Uccelli). Dei tre ''ciappi'' con incisioni rupestri nel finalese, è il più comodo e accessibile.
 
======Accesso======
Si prende la carreggiabile che da Finale Ligure porta a Vezzi Portio, che si chiama Via Calvisio e poi Via Finale e che percorre il fondovalle di fianco al Torrente Sciusa. Dopo circa 5 chilometri si prende una deviazione, sulla destra in salita, per Portio Revelli e dopo il tornante, si gira a destra in Via Rocca. La strada è senza sbocco, ma termina in due punti diversi, bisogna prendere quello sulla destra, il più vicino al pianoro. Qui si lascia l'auto e a piedi si discende lungo una mulattiera da Rocca degli Uccelli verso Rocca di Corno.
<br>
A circa metà strada fra le due rocche, sulla destra, in mezzo a rada vegetazione, si presenta il Ciappo del Sale.
 
======Morfologia======
La roccia si presenta piatta, di forma pentagonale irregolare, con il lato più lungo di 37 metri e quello più corto di 7 metri. Presenta incisioni rupestri simili a quelle del Ciappo delle Conche e del Ciappo dei Ceci con figure umane a forma di croce, vaschette, coppelle e altre figure di ignoto significato, come una figura rotondeggiante a raggiera unita ad un triangolo e una figura rotondeggiante irregolare con un punto nel centro.
<br>
[[Immagine:Acquasanta - Genova - Italia - 1965 - Pietra coppelle.jpg|thumb|Pietra delle coppelle all'Acquasanta di Voltri, in provincia di Genova]]
 
===== Pietra delle coppelle =====
Nel [[1908]] [[Arthur Issel]] scoprì alle Giutte, sopra [[Acquasanta]] di [[Voltri]], in provincia di [[Genova]], in località Bric Caramello, a quota 510 metri sul livello del mare, una roccia di talcoscisto recante incisioni rupestri prevalentemente di epoca preistorica.
 
 
[[Immagine:Giutte_Acquasanta_Voltri_-_2005_-_Pietra_coppelle_ubicazione.jpg|thumb|itinerario da Giutte dell'Acquasanta di Voltri alla pietra delle coppelle]]
======Itinerario======
Da Voltri, Mele, all'Acquasanta e poi verso il Passo del Turchino, all'altezza di case Giutte, si lascia l'auto e si cerca un sentiero che si staccava dalla strada, dritto in direzione Nord verso il Bric Caramello, che è stato coperto nella sua parte iniziale dalla costruzione di una villetta, la quale bisogna costeggiare lasciandola sulla sinistra, finché più avanti per prati, non si trova il sentiero.
<br>
"Vi si accede per un sentiero che corre fra i castagneti, che si diparte dalla cascina Giutte, procedendo per circa 25 minuti a piedi oltre questa cascina e superando a destra del sentiero, per un piccolo tratto, la falda erbosa del Bric Caramello, fino a trovare una sporgenza rocciosa, di circa 280 x 140 cm., che si trova ad una quota di 510 m., a pochi metri al di sotto di un rilievo di serpentina nerastra, che emerge da un pendio erboso, verso il torrente".
 
======Morfologia dei graffiti======
La roccia è ricoperta da qualche centinaio di rotonde cavità di varie dimensioni, da 1/2 cm. a 2 cm., chiamate coppelle e figure geometriche, stilizzate, filiformi a forma di croce, di significato antropomorfo. E' presente inoltre un tetraedro scavato con 35 coppelle delimitati in un'area circolare, con la punta orientata verso Nord. Si riconoscono anche affilatoi a ''polissoir''.
<br>
 
======Ipotesi sul significato======
Le coppelle sono considerate una forma secondaria di incisione rupestre. Molte di queste coppelle e croci sono sicuramente preistoriche altre sono Medioevali ed essendo mischiate e non essendo inserite in un contesto archeologico è difficile stabilire l'eta dei gruppi di incisioni.
<br>
Un'altra ipotesi intrigante é quella archeoastronomica oggi (2005) di moda [http://www.archaeoastronomy.it/convegno_sanremo.htm Giuseppe Brunod]
 
====Piemonte====
=====Pinerolo=====
Il prolungamento del Monte Bego (Francia), che si estende nelle Valli di Pienerolo, contiene incisioni rupestri, nello stesso stile del versante francese.
 
====Val d'Aosta====
Il prolungamento dell'Haute Marianne (Savoia), che si estende nella Valle d'Aosta, contiene incisioni mrupestri, nello stesso stile del versante francese.
 
==== Lombardia ====
===== Val Camonica =====
===== Valtellina=====
===== Lago di Garda =====
 
====Alto Adige====
 
=== Francia ===
==== Provenza ====
===== Valle delle Meraviglie =====
La ''Val des Merveilles'' si trova sul confine italo-francese, nelle Alpi Marittime, vicino a San Dalmazzo di Tenda.
<br>
Contiene una delle più importanti raccolte di incisioni rupestri, della Francia e del mondo, che chiamamo incisioni (graver), circa 40.000 immagini, incise principalmente sul Monte Bego e dintorni.
<br>
====== Storia dei ritrovamenti ======
Fu da tempo immemorabile la meta della transumanza estiva proveniente dalla costa, dalla pianura del cuneense e dalle valli interne entro un raggio di circa 30 chilometri.
<br>
Dopo di lui, negli Annali Liguri di Storia Patria, troviamo lavori originali sulle incisioni rupestri del Monte Bego e delle valli limitrofe, Val Fontanalba e altre valli, di Baroncelli, Conti, Louis, Isetti e altri.
 
====== Situazione geografica ======
Monte Bego costituisce il punto centrale montano fra la Valle del Roia, che collega la Riviera ligure di ponente al Piemonte, per mezzo del Colle di Tenda e la Val Gordolasca che serve la zona di Nizza.
<br>
 
[[Image:Val_Merveilles_-_France_-_petrogliphs_paint.jpg|thumb|disegni di incisioni rupestri nella Val Merveilles]]
====== Morfologia delle figure ======
Le incisioni rupresti appaiono scolpite in "posa" statica, senza ordine e senza proprorzioni fra di loro e con la realtà. Le loro dimensioni sono da pochi centimetri a qualche metro, essendo in media circa 20 cm d'altezza e 10 cm. di larghezza.
<br>
<br>
Molti segni appaiono modificati e sovrapposti nelo tempo, altri sono appena percettibili alla luce radente dell'alba.
====== Tipologia ======
Esistono 3 grandi gruppi di figure:
# incisioni fatte con punta metallica o punta litica dura, per picchettamento, che ha prodotto sulla roccia una fitta punteggiatura in numero di 37.000. Queste figure rappresentano animali cornuti, aratri, armi e strumenti, figure umane, capanne e poderi, che sembrano planimetrie per delimitare i confini di zone agricole e di pascolo, con sentieri e fonti, recinti d'animali, pelli, paramenti, trappole per animali, segni geometrici, quadrati, cerchi, rettangoli, punti, croci, stelle e altri segni di significato da determinare e loro variazioni, per ipotesi segni di significato astronomico, che ci sfugge per essere variata per ben due volte la posizione relativa della volta stellata nell'arco di 40.000 anni.
Sono state eseguite in un arco temporale continuo di 3.000 anni, dal [[3.000 a.C]] al [[14 a.C]], anno della vittoria delle legioni di [[Augusto]], sulle popolazioni liguri montane del ponente, essenzialmente [[Celti|celtiche]] come gli [[Intemeli]].
 
====== Strumenti usati ======
Le incisioni sono state fatte con punte di minerali duri e in seguito di metallo.
====== Roccia ======
La roccia sulla quale sono state eseguite è tenera, spesso fatte su sottili patine di alterazione che ricoprono lo strato scistoso.
======Logistica======
In Val Merveilles l'ideale è fare un campo base, dove c'è l'acqua.<br>Andare al mattino presto e segnare i contorni col gesso tutte le figure da calcare. Quando il Sole è alto e non si vede più nulla, calcare le figure contrassegnate e ritornare per il mezzogiorno.
 
===Svizzera===
====Vallese e Grigioni====
 
===Austria===
 
=== Stati Uniti ===
==== California ====
===== Valle della Morte =====
Nella [[Valle della Morte]] sono state trovate incisioni rupestri, che chiamano petroglifi (petrogliphs), in tre luoghi
# Titus Canyon
# Mesquite Flats
 
==Metodologia di riproduzione delle incisioni rupestri==
===Disegno a mano libera===
I primi studiosi di petroglifi, riproducevano le figure più interessanti disegnandole a vista e senza nessuna proporzione fra loro. Questo è un metodo veloce, poco costoso e che non procura danni, consigliabile, portandosi dietro un metro e riportando per ogni figura le dimensioni reali, altezza e larghezza del parallelepipedo nel quale si possono inscrivere.
===Ricalco a carboncino===
Un modo pratico, veloce e non lesivo per avere una riproduzione diretta a grandezza naturale è portarsi un foglio di carta da disegno, acquistabile dal cartolaio, tenera, sottile, simile a quella dei fazzolettini di carta e un carboncino fra i più teneri. Si stende il foglio di carta e si passa leggermente il carboncino sulla carta tenendo fermo il foglio, ottenendo una riproduzione a matita in grandezza naturale.
===Fotografia===
Le foto pur essendo pratiche non sono facili. Bisognerebbe prenderle sempre tutte dalla stessa distanza, sulla verticale, a luce radente e dispiegando a terra un metro, per avere delle foto con figure proporzionate fra loro e conoscere a vista le dimensioni.<br>
Dato che anche così sono difficili da riconoscere, si usa prima di fotografarle colorarle in bianco coi gessetti, però si impiega molto tempo e quindi alcuni le cospargono di farina, altri le pitturano con calce spenta che poi si dilavano con la pioggia.
===Calco in gesso===
====Negativo in stucco====
Il metodo classico è il calco in gesso da negativo fatto con lo stucco da finestra, pretrattato aggiungendo olio e borotalco per renderlo più tenero e meno adesivo, in strato sottile di circa 1/2 cm e pressato a mano sulla figura. E' necessaria manualità e attrezzatura come telai in ferro nei quali fare la colata e materiali vari come gesso e acqua.
<br>
<br>
Si capisce che questo metodo pur essendo comodo e semplice, prevede dei carichi notevoli da portare a spalla sui luoghi di alta e media montagna. Per fare un calco ci vuole almeno un chilo di plastilina, preventivamente tirata in strato sottile, di circa da mezzo a un centimentro, col mattarello. Ci vuole un chilo o due di gesso per ogni calco, a seconda delle dimensioni. Il peso dei telai di ferro. Quando manca l'acqua corrente si aggiunge anche il peso di taniche d'acqua da venti chili, che fatica a portare una persona. Più la normale attrezzatura sopravvivenza, materiali e cibo. In tre persone al minimo, si riesce a portare circa sei calchi, in quanto due portano i materiali per tre calchi a testa e al ritorno i calchi e una persona porta le scorte.
====Negativo in resina siliconica====
Altri sistemi usati per fare calchi prevedono l'uso di resine siliconiche, simili allo stucco dette ''putty'', tipo quelle usate in odontoiatria, a costi elevati ma con materiali leggeri, che durano nel tempo e che non sono più riutilizzabili.
<br>
Facendo attenzione a riempire i sottosquadri di stucco sui bordi, in modo da non dovere poi strappare la forma, da un negativo in putty si possono fare più calchi in gesso, sia subito che nel tempo.
 
==Bibliografia==
*Società Ligure di Storia Patria Atti XL:<br>
Issel A., Liguria Preistorica, Parte Terza pg.457, Acquasanta.
 
==Collegamenti esterni==
[http://www.archeoge.arti.beniculturali.it/ Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria]
[http://www.iisl.it/ Istituto Internazionale di Studi Liguri]
5 780

contributi

Menu di navigazione