Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone
AutoreMaurizio De Giovanni
1ª ed. originale2017
Genereromanzo
Lingua originale italiano
AmbientazioneNapoli contemporanea
PersonaggiLuigi Palma, Giorgio Pisanelli, Giuseppe Lojacono, Francesco Romano, Ottavia Calabrese, Alessandra Di Nardo, Marco Aragona
SerieI bastardi di Pizzofalcone
Preceduto daVita quotidiana per i bastardi di Pizzofalcone

Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone è un romanzo giallo dello scrittore italiano Maurizio De Giovanni del 2017. Il romanzo è il settimo tra quelli ambientati nel commissariato di Pizzofalcone, ma l'ottavo con protagonista l'ispettore Giuseppe Lojacono.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il commissariato di polizia di Pizzofalcone è allo sbando, quattro agenti implicati nel traffico di droga sono stati incarcerati e sono stati sostituiti dagli "scarti" di altri uffici.

Il nuovo commissario è Luigi Palma, quarantenne con l'interesse esclusivo per il lavoro, incaricato di avviare le pratiche per la chiusura del commissariato. Giuseppe Lojacono, allontanato ingiustamente dalla sua Sicilia, è il più brillante tra gli ispettori anche se la sua condizione sentimentale è deprimente. Francesco Romano e la giovane agente Alessandra Di Nardo sono stati trasferiti a causa dei loro modi troppo rudi, mentre al raccomandato Marco Aragona è data l'ultima possibilità di restare in polizia.

Della vecchia squadra di Pizzofalcone restano solo l’anziano Giorgio Pisanelli e la quarantenne Ottavia Calabrese, ciascuno con seri problemi familiari. Un gruppo accomunato dal fatto di non avere niente da perdere.

Ethan Wood, un ultracinquantenne statunitense, viene trovato in fin di vita in un cantiere edile di Napoli. L'uomo ha sempre vissuto con la madre (attrice del dopoguerra ormai afflitta da demenza) e la sorella Holly; una breve visita a Sorrento, ufficialmente organizzata come ultimo desiderio della madre, è in realtà la ricerca della sconosciuta sorellastra Angela minacciata dalla camorra.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]