Sistema di coordinate orizzontali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rappresentazione del sistema di coordinate orizzontali.

Il sistema di coordinate orizzontali, chiamato anche topocentrico, è un sistema di coordinate celesti che utilizza il piano dell'orizzonte dell'osservatore come piano fondamentale. Le sue coordinate sono espresse in termini di altezza e azimut.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo sistema di riferimento divide il cielo in due emisferi: quello superiore, nel quale gli oggetti sono visibili, e quello inferiore, nel quale gli oggetti non possono essere visti. Il cerchio massimo che separa i due emisferi è chiamato orizzonte locale. Il polo dell'emisfero superiore è chiamato zenit, mentre quello dell'emisfero inferiore è detto nadir.

Vi sono due coordinate angolari indipendenti:

  • l'altezza, talvolta chiamata anche elevazione, che consiste nell'angolo tra l'oggetto e l'orizzonte locale dell'osservatore. Se l'oggetto è nell'emisfero superiore, quest'angolo è compreso tra 0 e 90°;
  • l'azimut, che rappresenta l'angolo tra la proiezione dell'oggetto sull'orizzonte locale e la direzione del nord, misurato da nord verso est. Vi sono comunque delle eccezioni, come ad esempio il sistema FITS dell'Osservatorio europeo australe, il quale misura l'azimut dalla direzione del sud verso ovest, o il sistema FITS dello Sloan Digital Sky Survey, che lo misura dal sud verso est.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica