Simone Serdini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Simone Serdini, o Simone di Ser Dino Forestani de' Saviozzi[1], detto il Saviozzo (Siena, 1360 circa – Tuscania, 1420), è stato un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu cancelliere ed oratore al seguito di signorotti o condottieri italiani come Ludovico Alidosi e Pandolfo III Malatesta.

La sua produzione poetica fu fortemente ispirata dall'opera di Dante; in alcuni casi quasi la imitò, ma giungendo anche a risultati più originali. Contribuì attivamente alla diffusione della Divina Commedia con un codice manoscritto, e fu autore di un capitolo di commento alla Commedia. Fu uno dei capiscuola del gusto dantesco, sviluppatosi alla fine del Trecento, ed ebbe influsso sulla poesia del secolo successivo.

Accolto alla corte di Ladislao d'Angiò-Durazzo, fu al servizio di Angelo Tartaglia, che però poi lo fece imprigionare; morì in carcere a Toscanella, forse suicida, nel 1420.[2] Secondo altri storici, come Uberto Benvoglienti, morì naturalmente di vecchiaia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Mario Crescimbeni, Dell'istoria della volgar poesia, I, p. 208. URL consultato il 9 settembre 2017.
  2. ^ Emilio Pasquini, Serdini, Simone, detto il Saviozzo, in Treccani.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17296502 · ISNI (EN0000 0001 2122 4159 · SBN IT\ICCU\RAVV\052479 · GND (DE102459843 · BNF (FRcb123423708 (data) · BAV (EN495/14604 · CERL cnp01000275 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019072762