Sifone a pavimento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il sifone a pavimento, detto anche scatola sifonata o pozzetto di ispezione, è un elemento idraulico situato generalmente nella stanza da bagno, al di sotto del piano pavimento, in case realizzate in Italia tra gli anni 1950/60/70. Si presenta esteriormente, sul pavimento, come una piastra cromata del diametro mm 110-120 con vite centrale (rosone a pavimento), oppure come una flangia in ottone del diametro mm 80-90-100, con tre fori lungo il diametro, due dei quali vengono utilizzati per l'ispezione con apposita chiave, mentre il foro centrale è destinato al fissaggio del rosone di copertura.

La funzione del sifone a pavimento è quella di evitare la fuoriuscita degli odori provenienti dalla tubazione principale (ad es. la colonna di scarico condominiale) e dalle tubazioni ad essa collegate (generalmente: bidet, lavabo, vasca da bagno o doccia, ossia tutti i sanitari eccetto il water); esso inoltre previene il sifonamento dagli scarichi dei singoli apparecchi sanitari.

Generalmente è fatto di piombo con tappo a vite in ottone saldato, ma può essere anche in materiale plastico con tappo ad espansione.

L'ispezione si effettua tramite rimozione del coperchio: per quelli in plastica, basta ruotare la farfalla in senso antiorario e togliere il coperchio. Più critica è invece la rimozione del coperchio dei sifoni in piombo, data la delicatezza di questi ultimi.

Le perdite di acqua dal sifone a pavimento sono tra le principali cause di danno agli appartamenti sottostanti, e tale danno è spesso coperto da assicurazione condominiale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]