Sidney Gottlieb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Sidney Gottlieb, pseudonimo di Joseph Schneider (Bronx, 3 agosto 1918Washington, 7 marzo 1999), è stato un chimico statunitense, coinvolto in diverse attività segrete della CIA fra cui il progetto MKULTRA.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel Bronx da immigrati ebrei-ungheresi, fu balbuziente dalla nascita e a causa di una malformazione al piede è stato esentato dal servizio militare durante la seconda guerra mondiale.

Ha studiato presso la CalTech, ottenendo un dottorato di ricerca in chimica e un master in logopedia.

Nel 1951 ha iniziato a lavorare per la Central Intelligence Agency (CIA) come direttore del Technical Services Staff (TSS), branca della CIA per la ricerca di metodi efficaci per portare avanti gli interrogatori. Soprannominato "Stregone nero" (Black Sorcerer) o "Sporco imbroglione" (Dirty Trickster) per i suoi esperimenti sul controllo mentale, diresse il progetto MKULTRA[1] somministrando LSD e altri allucinogeni a soggetti non consenzienti per trovare "tecniche che piegassero la psiche umana al punto di ammettere qualsiasi cosa". Nell'ambito di questo progetto sponsorizzò diversi psichiatri controversi tra cui Donald Ewen Cameron e Harris Isbell.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rupert Cornwell, Obituary: Sidney Gottlieb, in The Independent, 16 marzo 1999. URL consultato il 20 settembre 2019.
Controllo di autoritàVIAF (EN9191151656216508400004 · LCCN (ENno2018005495 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018005495