Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sidi Ifni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sidi Ifni
comune
سيدي إفني
ⵉⴼⵏⵉ
Sidi Ifni – Bandiera
Sidi Ifni – Veduta
Localizzazione
StatoMarocco Marocco
RegioneGuelmim-Oued Noun
ProvinciaSidi Ifni
Territorio
Coordinate29°22′48″N 10°09′36″W / 29.38°N 10.16°W29.38; -10.16 (Sidi Ifni)Coordinate: 29°22′48″N 10°09′36″W / 29.38°N 10.16°W29.38; -10.16 (Sidi Ifni)
Altitudine155 m s.l.m.
Abitanti21 051 (2004)
Altre informazioni
LingueArabo e spagnolo
Cod. postale85200
Fuso orarioUTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Marocco
Sidi Ifni
Sidi Ifni

Sidi Ifni (in arabo: سيدي إفني‎, in berbero: ⵉⴼⵏⵉ, Ifni) è una città del Marocco, nell'omonima provincia, nella regione di Guelmim-Oued Noun, sull'Oceano Atlantico. Ha una popolazione di circa 20.000 abitanti. L'economia della città si basa sulla pesca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella zona, nel 1476, venne fondato dagli spagnoli un insediamento col nome di Santa Cruz de la Mar Pequeña, che rimase spagnolo fino al 1524 quando fu riconquistato dal Marocco.

Storicamente, Sidi Ifni dovrebbe essere la localizzazione di Santa Cruz de la Mar Pequena[1], il luogo dell'antica fortezza spagnola tra Agadir e Tarfaya. Nel 1860, dopo la Guerra Ispano Marocchina, Sidi Ifni e il suo territorio vennero ceduti dal Marocco alla Spagna col Trattato di Tangeri. Inoltre nel 1884 la Spagna acquistò l'odierno Sahara Occidentale. La Spagna amministrò Sidi Ifni e il Sahara Occidentale assieme, con il nome di Sahara Spagnolo, o Río de Oro e Saguia el-Hamra.

Il Marocco invase Ifni nel 1957 (eccetto la capitale, Sidi Ifni). Nel 1969, sotto pressione marocchina, la Spagna restituì Sidi Ifni al Marocco.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN316733965 · BNF: (FRcb12455401t (data)