Sho (strumento musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sho
Gifujyou5846.JPG
Informazioni generali
Origine Giappone Giappone
Invenzione VIII secolo
Classificazione 412.13
Aerofoni liberi
Uso
Musica dell'Asia Orientale
Genealogia
 Antecedenti
sheng

Lo sho, o nella più corretta traslitterazione shō (笙), è uno strumento a fiato ad ancia libera. Esso rappresenta l'equivalente giapponese dello sheng (strumento musicale) cinese, dal quale deriva, ed è composto da 17 canne di bambù di lunghezza diversa, con le quali si possono ottenere suoni di varie altezze. Appartiene alla famiglia degli organi a bocca.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La lunghezza delle varie canne non è legata a ragioni di praticità, bensì di estetica: lo strumento ha infatti un aspetto simmetrico definito "simile alle ali di una fenice".

Analoghi organi a bocca vengono utilizzato in molti paesi dell'Asia orientale e del Sud-est asiatico al fine di creare melodie; solo in Giappone esso viene utilizzato invece per produrre accordi ed è strumento tipico del gagaku.

Lo shō è oggetto di interesse di diversi compositori contemporanei: ad esempio Tōru Takemitsu lo ha impiegato nella sua musica. L'organo a bocca giapponese appare anche nella colonna sonora di "Drawing Restraint 9", film di Matthew Barney, composta da Björk, nel quale lo shō rappresenta lo strumento caratteristico.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • De Ferranti Hugh, Japanese Musical Instruments, Oxford University Press, 2000
  • Sestili Daniele, Come nasce l'organo a bocca giapponese. Incontro con il maestro Suzuki Haruo, “I fiati”, III/17, 1997, pp. 10-11

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica