Sforzatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sforzatica Sant'Andrea
Sforzatica Sant'Andrea – Veduta
La chiesa parrocchiale
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Bergamo-Stemma.svg Bergamo
ComuneDalmine-Stemma.png Dalmine
Territorio
Coordinate45°39′21″N 9°36′49″E / 45.655833°N 9.613611°E45.655833; 9.613611 (Sforzatica Sant'Andrea)
Altitudine210 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cod. catastaleI713
Nome abitantisforzatichesi
PatronoSant'Andrea
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sforzatica Sant'Andrea
Sforzatica Sant'Andrea

Sforzatica Santa Maria [sfoɾˈʦaːtika santanˈdrɛa][1] (Sforsàdega [sfoɾˈsadɛɡa] in dialetto bergamasco) è un quartiere del comune bergamasco di Dalmine ormai fuso col centro abitato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La località è un piccolo villaggio agricolo di antica origine, l'antica chiesa intitolata a sant'Andrea, presente già nel XII secolo, originariamente facente parte dell'arcidiocesi milanese nell'antica Pieve di Pontirolo. Dopo la conquista veneziana, fu incluso nel territorio amministrativo bergamasco, mentre ecclesiasticamente rimase a lungo meneghino sotto la nuova pieve di Verdello. Solo l'allora frazione di Oleno fu fin dal medioevo completamente orobica nella Pieve di Lallio.

Sforzatica fu ridotta a frazione di Osio Sopra su ordine di Napoleone, ma gli austriaci annullarono la decisione al loro arrivo nel 1815 con il Regno Lombardo-Veneto.[2]

Dopo l'unità d'Italia il paese crebbe da mille a duemila abitanti; in particolare, dopo gli anni ‘90 crebbe ulteriormente per la nascita di Picci. Durante il fascismo il comune fu soppresso e unito a Dalmine.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pronuncia locale [sfoɾˈʦaːtika santanˈdrea]
  2. ^ Sforzatica
  3. ^ R.D. N. 1297 del 07/07/1927

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia