Severo Calzetta da Ravenna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lampada ad olio con piede rapace, Bode-Museum, Berlino

Severo Calzetta da Ravenna (Ravenna, 1465 circa – Ravenna, 1543 circa) è stato uno scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Ravenna o a Ferrara e fu un artista del Rinascimento e del Manierismo, tra i più importanti e richiesti autori di bronzetti della sua epoca, assieme ad Andrea Briosco, l'Antico e pochi altri.

Svolse la sua attività tra il 1496 e il 1543 e lavorò a Ravenna, Ferrara e Padova. Benché fosse specializzato in piccoli bronzi, il suo unico lavoro sicuramente documentato è la scultura di S. Giovanni Battista, con la sua firma, che fu commissionata nel 1500 per l'entrata della cappella di Sant'Antonio nella Basilica di Sant'Antonio da Padova. Produsse sculture di tema religioso, come il Corpus di un crocifisso che si trova nel Cleveland Museum of Art, ma i suoi principali soggetti riguardarono temi pagani, inclusi dragoni e satiri, e oggetti funzionali come calamai, candelieri e lampade ad olio.

Pomponio Gaurico lo menzionò nel capitolo sui bronzi della sua opera De sculptura (1504), ma senza identificare alcun soggetto. La perfezione del suo stile "all'antica" ha fatto sì che il busto di bronzo di un uomo barbuto che indossa una toga, conservato al Rijksmuseum, sia stato a lungo considerato un bronzo di epoca romana. Su tale busto vi sono ancora difficoltà di attribuzione, dato che potrebbe essere opera di Severo o di Tullio Lombardo. Un suo Rospo bronzeo è conservato nel Museo civico Amedeo Lia a La Spezia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pope-Hennessy, John W. Renaissance Bronzes from the Samuel H. Kress Collection: Reliefs, Plaquettes, Statuettes, Utensils and Mortars. London, 1965: no. 527.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]