Sette brevi lezioni di fisica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sette brevi lezioni di fisica
Autore Carlo Rovelli
1ª ed. originale 2014
Genere saggio
Sottogenere scientifico
Lingua originale italiano

Sette brevi lezioni di fisica è un saggio breve[1] del fisico Carlo Rovelli pubblicato da Adelphi nell'ottobre 2014. Le sette lezioni raccontano alcune tappe inevitabili della rivoluzione che ha scosso la fisica nel secolo XX e la scuote tuttora[2] (con occasionali spunti autobiografici[3]) e sono dedicate, rispettivamente[4], a:

Il libro è stato un "bestseller inaspettato", con grande sorpresa dello stesso Rovelli e del professor Giuseppe Trautteur (consulente Adelphi per la scienza fin dagli anni settanta, che, venuto a sapere dell'intenzione di Rovelli di scrivere degli articoli divulgativi, gli ha proposto la casa editrice): la prima tiratura[9] contava 3.000 copie, senza promozione; a fine dicembre 2015 ne aveva vendute 300.000 in Italia (in 19 edizioni) e 100.000 nel Regno Unito (dove è stato pubblicato dalla Penguin[10]).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La prima edizione consiste, includendo l'indice analitico, di 88 pagine
  2. ^ Dalla descrizione riportata sulla quarta di copertina della prima edizione
  3. ^ Fisica, sette simpatiche lezioni su Il fatto quotidiano
  4. ^ Dall'indice della prima edizione
  5. ^ Lezione prima: La più bella delle teorie
  6. ^ Lezione quinta: Grani di spazio
  7. ^ Lezione sesta: La probabilità, il tempo, e il calore dei buchi neri
  8. ^ In chiusura: Noi. Quest'ultima è piuttosto una riflessione filosofica
  9. ^ ottobre 2014
  10. ^ Sito Penguin del libro