Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Setsuko Hara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Setsuko Hara

Setsuko Hara (原節子 Hara Setsuko?), all'anagrafe Masae Aida (会田 昌江 Aida Masae?), (Yokohama, 17 giugno 1920Kanagawa, 5 settembre 2015) è stata un'attrice giapponese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Setsuko Hara è nota in occidente per due film di Akira Kurosawa e alcuni di Yasujirō Ozu.

Nel 1946 è protagonista — di grande livello espressivo — del sesto film di Kurosawa, Non rimpiango la mia giovinezza, il primo film veramente personale di Kurosawa a cui l'attrice dà un grande contributo. Per Kurosawa interpreterà anche la protagonista di L'idiota, nel 1951, tratto dal romanzo di Dostojevskij: il suo è il ruolo corrispondente a Nastassia Filippovna.

Ma Setsuko Hara è stata soprattutto l'attrice prediletta da Ozu nei film del dopoguerra: nel 1949 ricopre il ruolo della figlia in Tarda primavera (il padre, vedovo, le fa credere di essere in procinto di sposarsi per indurla a sposarsi a sua volta; la ragazza lo fa, suo malgrado e lui rimane solo, in uno dei finali più poetici della storia del cinema); nel 1953 interpreta poi la nuora vedova di guerra e infelice dei due anziani protagonisti di Viaggio a Tokyo, forse il capolavoro del regista. Per Ozu ha interpretato ancora Inizio d'estate e Crepuscolo di Tokio, rispettivamente nel 1953 e 1957 e infine Tardo autunno nel 1960: non solo il titolo ricorda quello del suo primo film con Ozu del 1946, ma la vicenda è la stessa: solo, stavolta, non è un padre che fa credere alla figlia di volersi risposare, ma una madre, e a interpretarla è la stessa Hara che nel film precedente faceva la figlia. Ammirevole attaccamento di Ozu ai suoi attori e ai suoi temi preferiti: sarebbe morto due anni dopo.

Setsuko Hara muore il 5 settembre 2015 a causa di una polmonite, all'età di 95 anni.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Agence France-Presse, 'Tokyo Story' star Setsuko Hara dies at 95, in Japan Today, 26 novembre 2015. URL consultato il 26 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN117399521 · LCCN: (ENn88141476 · ISNI: (EN0000 0000 8186 5276 · GND: (DE136806163 · BNF: (FRcb14033732m (data) · NLA: (EN35768828