Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sergej Bagapš

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sergej Uasyl-ipa Bagapš
Сергеи Уасыл-иҧа Багаҧшь
Сергей Васильевич Багапш
Sergei Bagapsh (Interfax).jpg

Presidente dell'Abcasia
Durata mandato 12 febbraio 2005 –
29 maggio 2011
Vice presidente Raul Khadjimba
Alexander Ankvab
Capo del governo Nodar Khashba
Alexander Ankvab
Sergei Shamba
Predecessore Vladislav Ardzinba
Successore Alexander Ankvab (ad interim)

Primo ministro dell'Abcasia
Durata mandato 29 aprile 1997 –
20 dicembre 1999
Presidente Vladislav Ardzinba
Predecessore Gennadi Gagulia
Successore Vyacheslav Tsugba

Dati generali
Partito politico Abcasia Unita
Università Università Statale Georgiana di Agricoltura Subtropicale
Firma Firma di Sergej Uasyl-ipa Bagapš Сергеи Уасыл-иҧа Багаҧшь Сергей Васильевич Багапш

«L'Abcasia non ha nulla contro il popolo georgiano. Non ci sono cattivi popoli; ci sono solo pessimi politici.»

(Sergej Bagapsh, la cui moglie è di etnia georgiana)

Serguéi Uasil-ipa Bagapsh (in abcaso: Сергеи Уасыл-иҧа Багаҧшь; Sukhumi, 4 marzo 1949Mosca, 29 maggio 2011) è stato un politico abcaso, presidente dell'autoproclamata Repubblica di Abkhazia, primo ministro dal 1997 al 1999 e presidente dal 2005 fino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima della sua nomina a primo ministro Bagapsh si dedicò agli affari, fu primo segretario del Komsomol Abcaso e rappresentante permanente dei dirigenti abcasi.

Bagapsh diresse l'Abkhazia in un periodo in cui c'era un vero pericolo di ripresa del conflitto con la Georgia. Diresse il Paese mentre il suo leader Vladislav Ardzinba, non era più capace di governare, e per quest ebbe meno potere del suo predecessore. L'ex-presidente georgiano Eduard Shevardnadze affermò una volta rivolto a Bagapsh non avrebbe fatto passare nessuna risoluzione senza Ardzinba.

Le tensioni con la Georgia arrivarono al culmine nel maggio del 1998 quando il governo georgiano di Tbilisi dispiegò le sue forza attorno alla frontiera tra la Georgia e l'Abkhazia. Come risultato del conflitto noto anche come "Guerra dei sei giorni", 30.000 rifugiati georgiani attraversarono la frontiera nei pressi di Zugdidi e vennero bruciate 1.695 case georgiane.

Bagapsh era ministro dell'energia quando si iniziò a considerarlo come un possibile candidato dell'opposizione alle elezioni del 2004. Il 20 luglio del 2004, i due principali movimenti d'opposizione, Amtsakhara e Abkhazia Unita, lo nominarono candidato unico per le elezioni presidenziali di ottobre (non riconosciute dalla comunità internazionale).

In tali elezioni, Bagapsh e il suo principale oppositore, Raul Khadjimba, si disputarono i risultati. La Commissione Elettoraleomisión Abcasa dichiarò all'inizio vincitore Khadjimba, ma la Corte Suprema dichiarò poi che Bagapsh aveva vinto con il 50,3% dei voti, tuttavia revocò questa decisione dopo che i sostenitori di Khadjimba assaltarono il palazzo della Corte.Quindi, Bagapsh e i suoi sostenitori minacciarono di proclamare il nuovo governo unilateralmente il 6 dicembre del 2004.

Così ai primi di dicembre Bagapsh e Khadjimba arrivarono ad un accordo per formare un governo di unità nazionale. Il 12 gennaio del 2005 si celebrarono nuove elezione, e grazie all'accordo Bagapsh fu eletto presidente e Khadjimba nominato vicepresidente.

Quando nell'agosto del 2008 scoppia la seconda guerra in Ossezia del Sud decide di far scendere in campo le proprie truppe a fianco degli osseti insorti e dei russi loro alleati.

Muore il 29 maggio 2011 in un ospedale di Mosca, in seguito alle complicazioni insorte successivamente ad un'operazione ai polmoni alla quale era stato sottoposto.[1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze abcase[modifica | modifica wikitesto]

Eroe dell'Abcasia - nastrino per uniforme ordinaria Eroe dell'Abcasia
— 2011, postumo
Ordine dell'Onore e della Gloria di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Onore e della Gloria di I Classe
— 2011, postumo

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Ordine d'Onore (Ossezia del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine d'Onore (Ossezia del Sud)
— 2005
Ordine dell'Amicizia (Ossezia del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia (Ossezia del Sud)
— 2006
Ordine del Coraggio (Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Coraggio (Russia)
«Per il suo coraggio e altruismo nella soluzione dei problemi e nella stabilizzazione della situazione nel Caucaso meridionale»
— 30 settembre 2011
immagine del nastrino non ancora presente Ordine al Merito di I Classe (Transnistria)
— 2006
immagine del nastrino non ancora presente Ordine di Suvorov di II Classe (Transnistria)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Georgia: muore dopo intervento chirurgico presidente Abkhazia, adkronos.com, 29 maggio 2011. URL consultato il 29 maggio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN171799573 · GND (DE1012657140