Scugnizzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Uno scugnizzo nel XIX secolo

Scugnizzo [ʃkuˈɲːiʦːə] è una parola del dialetto napoletano, poi entrata nell'uso anche nell'italiano, che indica il «monello di strada» napoletano.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ragazzini di strada aggrappati ad un tram

Le prime attestazioni del termine risalgono al 1895, quando se ne registra l'uso da parte di Ferdinando Russo: «In gergo, questi ragazzi, che si avviano spensieratamente per la strada delle carceri e del domicilio coatto, vengono denominati scugnizzi». Nel 1897 furono pubblicati dei sonetti di Russo intitolati proprio 'E scugnizze. Ferdinando Russo chiarì che si trattava di un termine utilizzato nell'ambito della malavita napoletana[2], e si conosceva già nel 1888.[3] Le origini del termine vengono fatte risalire però ai periodi successivi all'unificazione d'Italia a Torino.[3] Secondo altre teorie, il termine "scugnizzo" poteva derivare dal verbo latino excuneare («rompere con forza», «spaccare»).[4][5][6]

Utilizzo del termine[modifica | modifica wikitesto]

Nella cultura popolare, la figura dello "scugnizzo", nonostante sia spesso impertinente e ineducata, viene recepita come simpatica e positiva: per questo viene spesso scelto come protagonista o personaggio di film come L'ultimo scugnizzo (1938), Paisà (1946), Uno scugnizzo a New York (1984), Scugnizzi (1989).

Giulia Civita Franceschi cercò di ribaltare lo stereotipo dello scugnizzo con un progetto educativo incentrato sulla ricostruzione degli affetti.[7]

Nell'arte[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni De Martino (1870-1935), attivo tra Parigi e Napoli, è noto per la rappresentazione[8] di piccoli busti di "scugnizzi" in bronzo dai tratti realistici[9], divenendo noto anche come "Lo scultore dei bambini", per i quali ottenne diversi riconoscimenti internazionali, tra cui il premio speciale al "Salon di Parigi" del Museo del Louvre nel 1900.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Definizione di scugnizzo, Dizionario italiano.
  2. ^ Lo scugnizzo di Nicola De Blasi
  3. ^ a b Nuove ipotesi per l'enigma etimologico di "scugnizzo"
  4. ^ Percorsi di libertà: esperienze di uno scugnizzo napoletano divenuto professore di Mariano D'Antonio.
  5. ^ Scugnizzo, su treccani.it.
  6. ^ Etimologia di scugnizzo, su quicampania.it.
  7. ^ R.A.M. - La nave asilo Caracciolo, RAI Storia.
  8. ^ Giovanni de Martino, Benezit Dictionary of Artists, Oxford Art Online, Oxford University Press.
  9. ^ Domenico Maggiore (1955), Arte e artisti dell'Ottocento napolitano e scuola di Posillipo: biografie di pittori, incisori, scultori e architetti, Napoli, Maggiore, pag. 405.
  10. ^ Mariantonietta Picone Petrusa (2000), Arte a Napoli dal 1920 al 1945: gli anni difficili, Napoli, Electa Napoli ISBN 9788843585298, pag. 325.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ferdinando Russo, Scugnizzi (PDF), su vesuvioweb.com.