Sarcofago della centrale nucleare di Černobyl'

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il sarcofago

Il sarcofago della centrale nucleare di Černobyl' (in ucraino: Об'єкт "Укриття"?, traslitterato: , Ob"jekt «Ukryttja», cioè riparo o copertura) è la massiccia struttura in acciaio e cemento che copre il reattore nucleare n.4 della centrale nucleare di Černobyl'. È stato progettato per limitare la contaminazione radioattiva dell'ambiente dopo il disastro del 1986 di Černobyl', racchiudendo l'area più pericolosa e la protezione dall'esposizione del clima. Si trova all'interno di una vasta area riservata conosciuta come "zona di esclusione di Černobyl'".

Il sarcofago racchiude 200 tonnellate di corium radioattivo, 30 tonnellate di polvere altamente contaminata e 16 tonnellate di uranio e plutonio. Nel 1996 si è ritenuto impossibile riparare l'interno del sarcofago visti i livelli di radiazione stimati come 10.000 Röntgen all'ora (la radiazione di fondo normale in città è di solito intorno a 20-50 microröntgens all'ora, e una dose letale è di 500 röntgens oltre 5 ore).

La decisione di sostituire il sarcofago con un nuovo confinamento sicuro è stata presa il 29 novembre 2016 ed è stata completata l’installazione dell’enorme nuovo sarcofago. La struttura si chiama “New Safe Confinement” (NSC).

La costruzione[modifica | modifica wikitesto]

La progettazione del sarcofago è iniziata il 20 maggio 1986. La costruzione durò 206 giorni, da giugno a fine novembre dello stesso anno. Il primo compito fu quello di costruire una lastra di raffreddamento sotto il reattore per evitare che il combustibile nucleare caldo provocasse un buco nella base. A causa dell'elevata radioattività il posizionamento di dadi e bulloni e l'applicazione delle saldature vennero eseguite da robot. Le saldature del sarcofago, tuttavia, non furono eseguite correttamente. L'intero processo di costruzione era composto da otto tappe: pulizia del territorio attorno all'unità del reattore 4, costruzione di muri di protezione in cemento armato iniziali intorno al perimetro, costruzione di muri di separazione tra le unità 3 e 4, costruzione del muro a cascata che è copertura della sala turbine, montaggio di un contrafforte alle estremità, costruzione di supporti e installazione di un rivestimento della sala reattore ed infine installazione di un sistema di ventilazione.

Sono stati utilizzati più di 400.000 m³ di calcestruzzo e 7.300 tonnellate di carpenteria metallica durante la costruzione del sarcofago. La costruzione definitiva ha racchiuso 740.000 m³ di detriti fortemente contaminati all'interno con suolo contaminato. L'11 ottobre 1986 la Commissione governativa sovietica ha accettato la Conclusione sull'affidabilità e durata di un rivestimento per la sicurezza contro le radiazioni del reattore 4 della centrale nucleare. Il sarcofago ha più di 60 fori per consentire l'osservazione degli interni del nucleo. In molti luoghi la struttura è stata progettata per avere pozzi di ventilazione per consentire all'aria di fuoriuscire. I sistemi di filtrazione sono stati messi in atto in modo che nessun materiale radioattivo fuoriesca attraverso questi fori.

Dibattiti in corso[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale rifugio è costruito sopra le rovine dell'edificio reattore. I due "pilastri di mammut" che sostengono il tetto del sarcofago in parte sulla parete strutturalmente sicura dell'edificio del reattore che è stato danneggiato dall'incidente. L'estremità occidentale del tetto è sostenuto da un muro in un punto designato di asse 50. Questo muro è in cemento armato, ed è stato incrinato dall'incidente.

Struttura progettata per la stabilizzazione dell'acciaio[modifica | modifica wikitesto]

Il DSSS è un oggetto d'acciaio di colore giallo che è stato posto accanto al reattore distrutto allo scopo di stabilizzare il sarcofago. Si trova a 63 metri di altezza e ha una serie di ponteggi che si estendono attraverso la parete contrafforte occidentale. Questo è stato fatto perché se la parete dell'edificio reattore o il tetto dello shelter dovesse fallire, grandi quantità di polvere e particelle radioattive verrebbero rilasciate direttamente nell'atmosfera con conseguente grande emissione di radioattività nell'ambiente. Nel dicembre 2006 il Designed Stabilisation Steel Structure (DSSS) è stato progettato per ricevere fino al 50% del carico sul tetto (circa 400 tonnellate) è stato trasferito dal muro all'asse 50 alla DSSS.

Scudo biologico superiore (UBS)[modifica | modifica wikitesto]

Un'ulteriore minaccia per il rifugio è la lastra di cemento che ha formato lo "Scudo biologico superiore" (UBS, Upper Biological Shield), situato sopra il reattore prima dell'incidente. Questa lastra di cemento, che era il "tappo" del reattore, è stata gettata verso l'alto dall'esplosione del nocciolo del reattore e ora è posata a circa 15° rispetto alla verticale. La posizione dello scudo superiore è considerata molto pericolosa perché solo i detriti supportano lo scudo in posizione quasi verticale. Un crollo dell'UBS andrebbe ulteriormente ad aggravare le condizioni di polvere nel sarcofago, magari diffondendo una certa quantità di materiale radioattivo fuori dal rifugio, e potrebbe danneggiare il sarcofago stesso. L'UBS è un cerchio di 15 metri di diametro, del peso di 1000 tonnellate e costituito di 2000 cubi, ognuno si trova sopra un canale di carburante. Lo scudo, chiamato P'jatačok ("moneta da cinque copeche") prima del disastro, è stato poi nominato componente "E" e soprannominato "Elena", I "Capelli di Elena " sono i fasci di combustibile intrecciati, ed ancora attaccati allo scudo