Santuario di Nostra Signora delle Grazie (Airole)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santuario di Nostra Signora delle Grazie
Airole-santuario delle grazie.JPG
StatoItalia Italia
RegioneLiguria
LocalitàAirole
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMadonna delle Grazie
Diocesi Ventimiglia-San Remo
Consacrazione1908
FondatoreGiovanni Borfiga
ArchitettoManlio Trucchi
Inizio costruzioneXIX secolo
Completamento1899

Coordinate: 43°52′10.59″N 7°33′05.43″E / 43.869608°N 7.551508°E43.869608; 7.551508

Il santuario di Nostra Signora delle Grazie è un luogo di culto cattolico di Airole, in provincia di Imperia. Il santuario mariano fa parte della diocesi di Ventimiglia-San Remo.

Cenni storici e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il santuario, intitolato a Nostra Signora delle Grazie, è situato a pochi chilometri dal paese di Airole su un promontorio circondato da oliveti. La chiesa fu edificata per iniziativa degli abitanti stessi nel 1801[1], su un poggio, dove erano già soliti salire annualmente per onorare la Madonna delle Virtù alla Rocca del Siestro.

La costruzione definitiva dell'attuale santuario, promossa dal parroco di Airole Giovanni Borfiga[1], anche a seguito dei gravi danni patiti nel terremoto di Diano Marina del 1887[1], si attuò nel XIX secolo per ospitare il notevole flusso di fedeli locali e di pellegrini all'interno del tempio religioso. I lavori furono ultimati nel 1899[1] e la chiesa fu benedetta l'11 ottobre del 1908[1]; la cerimonia di benedizione del nuovo santuario avvenne alla presenza del vescovo di Ventimiglia Ambrogio Daffra[1]. Nel 1933 su disegno dell'ingegnere Manlio Trucchi[1], e con la collaborazione dell'architetto Bosio di Ventimiglia[1], viene completata la facciata con la collocazione di un gruppo in pietra di Verona ritraente la Vergine tra due angeli[1].

La statua lignea della Madonna delle Grazie viene portata in processione in occasione della festa, che si svolge la prima domenica dopo Pasqua[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Fonte dal libro di Andrea Gandolfo, La provincia di Imperia: storia, arti, tradizioni. Volume 1, Peveragno, Blu Edizioni, 2005.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Meriana, Guida ai Santuari in Liguria, Genova, Sagep Editrice, 1990, ISBN 88-7058-666-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]