Sant'Elia (L'Aquila)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Elia
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia dell'Aquila-Stemma.png L'Aquila
ComuneCoat of Arms of L'Aquila, Italy.svg L'Aquila
Territorio
Coordinate42°20′14″N 13°25′08″E / 42.337222°N 13.418889°E42.337222; 13.418889 (Sant'Elia)Coordinate: 42°20′14″N 13°25′08″E / 42.337222°N 13.418889°E42.337222; 13.418889 (Sant'Elia)
Altitudine610 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale67100
Prefisso0862
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Elia
Sant'Elia

Sant'Elia è una frazione dell'Aquila, 2 km a sud est dal centro, sulla Strada Statale 17 Est.
Posta sulla valle del fiume Aterno consta di abitazioni vecchie e nuove, di qualche realtà rurale e di piccole attività industriali.
Nei suoi pressi passa il più lungo tratturo italiano, il Tratturo L'Aquila-Foggia.

È tra le zone prescelte per la ricostruzione post Terremoto del 6 aprile 2009.
La tendopoli di Sant'Elia si trova a metà di via Collevernesco, traversa della SS17 Est.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La frazione si trova inserita nel moderno quartiere Torretta, ai piedi della Basilica di Santa Maria di Collemaggio. Confina a nord con il cimitero comunale, e l'imbocco della via principale per il Castello. A est confina con contrada Palombaia, e successivamente la valle di Bagno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio è sempre stato frequentato, fino ai primi del '900 dai pastori transumanti, lungo il tratturo L'Aquila-Foggia, che parte dalla Basilica di Collemaggio. Costituito fino agli anni '50 da sparute casette e da una cappella votiva, negli anni '60 è cominciato lo sviluppo urbano, con la costruzione della nuova chiesa nel 1959, e successivamente di molte altre case, che costituirono in breve il moderno Quartiere Torretta. Il vecchio abitato di Sant'Elia è attraversato dalla via della "Polveriera", che porta fino all'ingresso del cimitero comunale di L'Aquila.

Monumenti e Chiese[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Santa Maria del Soccorso[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa è alle porte della frazione, presso il cimitero comunale di L'Aquila. Fu costruita tra il 1469 e il 1472, con aspetto conventuale. La facciata ha aspetto rinascimentale, in stile aquilano con il portale romanico strombato, decorato da lunetta affrescata. L'affresco della Madonna col Bambino è di Paolo da Montereale. Il tabernacolo è di Andrea de L'Aquila, e contiene anche la tomba di Jacopo Notar Nanni, risalente al XVI secolo. L'interno è a navata unica con due cappelle. La facciata è in pietra a fasce orizzontali rosee e bianche, opera di Silvestro dell'Aquila, con rosone a raggi.

Chiesa di San Lorenzo[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa di San Lorenzo danneggiata dal terremoto

La piccola chiesetta degli anni '60, ferita dal terremoto del 2009, è dedicata a San Lorenzo.
Fu istituita dai Frati Cappuccini dove in seguito ci fu una polveriera, casa pastorale dei sacerdoti diocesani fino al 1959, quando un terremoto la abbatté, fu nuovamente ricostruita a partire dall'anno dopo.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Sito Parrocchia di San Lorenzo in Sant'Elia

L'Aquila Portale L'Aquila: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Aquila