San Nicanore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Nicànore
Nicanor the Deacon by Fedor Zubov (1685, Smolensky cathedral of Novodevichiy convent).jpg
San Nicànore diacono,
icona di Fyodor Evtikhievich Zubov
dell'anno 1685
Convento di Novodevičij
 

Diacono e martire

 
Morte76
Venerato daTutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza10 gennaio (Chiesa ortodossa di Cipro)
28 luglio (Chiesa cattolica e Chiesa ortodossa)
AttributiPalma, Dalmatica e Libro del Vangelo

Nicànore (... – Cipro, 76) fu uno dei sette diaconi scelti dopo la Pentecoste dalla comunità cristiana di Gerusalemme affinché aiutassero gli Apostoli di Gesù nel ministero della fede.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di Nicànore (dal greco Nikanôr, latino Nicanor, che significa "vincitore"), diacono e martire, si hanno poche notizie: visse nel I secolo, era ebreo di nascita, fu uno dei sette diaconi consacrati direttamente dagli Apostoli, predicò il Vangelo, morì martire a Cipro,[1] al tempo di Vespasiano, nello stesso giorno[2] in cui fu lapidato a morte santo Stefano.

Il menologio dei greci, che si accorda con il martirologio romano, dice così:[3]

«il Beato Nincànore [sic] diacono, del numero dei sette primi,
il quale maraviglioso per la fede e virtù sua,
fù [sic] gloriosissimamente coronato di Martirio»

(Menologio greco, XXVIII luglio.)

Vita apostolica e ministero diaconale[modifica | modifica wikitesto]

Le informazioni sulla sua vita sono scarne. Negli Atti degli Apostoli è indicato come il quarto nel gruppo selezionato per assistere nel ministero degli apostoli di Gesù Cristo, dopo Stefano, Filippo, Pròcoro e prima di Timone, Parmenàs e Nicola, un prosèlito di Antiòchia.[4].

Secondo la tradizione cristiana, annunciò il Vangelo nella città di Mallo.[5] La presenza di Nicanore a Mallo non è documentabile, si può dedurre però, molto probabilmente, che in seguito al martirio di Stefano, a causa della violenta persecuzione che scoppiò verso i discepoli di Gesù, questo si sia spinto ad annunciare il Vangelo fin lì. Un riferimento sull'evangelizzazione itinerante si ha negli Atti:

«...erano arrivati fino alla Fenicia, a Cipro e ad Antiòchia e non proclamavano la Parola a nessuno fuorché ai Giudei.
Ma alcuni di loro, gente di Cipro e di Cirene, giunti ad Antiòchia,
cominciarono a parlare anche ai Greci, annunciando che Gesù è il Signore.»

(Atti degli Apostoli, 11, 19-20.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D. Calmet, Dizionario Biblico, voce Nicanore
  2. ^ Doroteo vescovo di Tiro, Synopsi
  3. ^ Stefano Menochio sj, Historia Sacra degli Apostoli, Roma 1654, pag. 121, cit.
  4. ^ Atti degli Apostoli Cap. 6, vv. 2-5.
  5. ^ Abbate Biagio Terzi di Lauria, Siria Sacra, ibid.CAP. LXIV, pag. 89 cit.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • San Nicànore, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.