Salvatore Bianchi (pittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto del canonico Benedetto Landriani, opera di Salvatore Bianchi conservata presso la quadreria dell'ospedale di Busto Arsizio.

Salvatore Bianchi, o Bianco (Velate, 24 maggio 1653Velate, 25 gennaio 1727), è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Noto anche come Salvatore Bianco,[1] nacque a Velate da nobile e antica famiglia, figlio di Giorgio e Taddea Ordea. Si fece conoscere in giovane età a Torino, dove figura fra quegli artisti di minor fama a cui soleva rivolgersi il Duca di Savoia. Assente da Velate per tutti gli anni Sessanta del secolo, si sa che fu a Torino e ad Asti nella seconda metà degli anni Settanta. Sposò Margherita Pighina, il 3 dicembre 1677 risulta battezzata la sua prima figlia Francesca Caterina. Risultano registrate nell'albo parrocchiale altre quattro figlie, del figlio maschio Francesco Maria, che proseguì il lavoro del padre, non ci sono documenti ma si presume sia nato intorno all'anno 1689[2]. Fu poi a Varese verso il 1692. Morì a Velate nel 1727.

Produzione artistica[modifica | modifica wikitesto]

Formatosi a Velate, centro di piccole dimensioni ma artisticamente operoso, maturò uno stile lombardo, che andò negli anni arricchendosi di connotati bolognesi e piemontesi.

Di lui sono rimaste poche opere. Si ha inoltre notizia di alcune opere andate distrutte.

Si sa che fu impegnato al Palazzo Reale di Torino, in alcune chiese di Asti e di Varese, e a Bergamo dove sono presenti affrechi in quella che era la chiesa del monastero di Sant'Agata[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Indicato come Bianco in Ugo Galetti - Ettore Camesasca, Enciclopedia della pittura italiana, volume I, Garzanti, 1950.
  2. ^ Silvano Colombo, Salvatore Bianchi, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 24 dicembre 2016.
  3. ^ Dipinti d’epoca barocca all’ex chiesa di Sant’Agata, Bergamo news. URL consultato il 3 dicembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Silvano Colombo Bianchi (Bianco), Salvatore in Dizionario biografico degli italiani Treccani, volume 10, 1968 (consultabile online).
  • Ugo Galetti - Ettore Camesasca, Enciclopedia della pittura italiana, Garzanti, 1950.
Controllo di autoritàVIAF: (EN10924713 · GND: (DE129443352 · ULAN: (EN500085188