Saccharomyces boulardii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Saccharomyces boulardii
Immagine di Saccharomyces boulardii mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Classe Saccharomycetes
Ordine Ascomycota
Sottordine Saccharomycotina
Famiglia Saccharomycetaceae
Genere Saccharomyces
Specie S. boulardii
Nomenclatura binomiale
Saccharomyces boulardii
Henri Boulard

Saccharomyces boulardii è un ceppo di lievito tropicale isolato per la prima volta nel 1923 dallo scienziato francese Henri Boulard dalla ciliegia della Cina (litchi) e dal frutto del mangostano. Esso è legato, ma distinto dal Saccharomyces cerevisiae in diverse proprietà tassonomiche, metaboliche e genetiche. Il S. boulardii ha dimostrato di mantenere e ripristinare la flora naturale del grande e piccolo intestino ed è classificato come un probiotico. Boulard isolò il lievito, dopo aver osservato i nativi del sud est asiatico masticare la buccia di litchi e di mangostano nel tentativo di controllare i sintomi del colera. È dimostrato che il S. boulardii non è patogeno, non sistemico (rimane nel tratto gastrointestinale, senza diffondersi in altre parti del corpo), vive e si riproduce ad una temperatura insolitamente alta di 37 °C.
È resistente agli acidi biliari, alla degradazione proteolitica, ai trattamenti antibatterici e antibiotici, e attraversa indenne lo stomaco.

Utilizzo medico[modifica | modifica wikitesto]

Vi sono review [1][2] relative a numerosi studi in doppio cieco, placebo-controllati che dimostrano l'efficacia di Saccharomyces boulardii nel trattamento e nella prevenzione dei disturbi gastrointestinali. Tra questi: diarrea acuta, infezione ricorrente da Clostridium difficile,[3] sindrome dell'intestino irritabile, malattie infiammatorie intestinali, diarrea del viaggiatore, diarrea associata ad antibiotici, diarrea associata a HIV/AIDS.

Trova impiego come antagonista della candida.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Margret I Moré e Alexander Swidsinski, Saccharomyces boulardii CNCM I-745 supports regeneration of the intestinal microbiota after diarrheic dysbiosis – a review, in Clinical and Experimental Gastroenterology, vol. 8, 14 agosto 2015, pp. 237–255, DOI:10.2147/CEG.S85574. URL consultato il 1º febbraio 2018.
  2. ^ Dove Medical Press, S. boulardii supports microbiota regeneration - Video abstract [ID 85574], 16 agosto 2015. URL consultato il 1º febbraio 2018.
  3. ^ Goldenberg JZ, Ma SSY, Saxton JD, Martzen MR, Vandvik PO, Thorlund K, Guyatt GH, Johnston BC. Probiotics for the prevention of Clostridium difficile-associated diarrhea in adults and children. Cochrane Database of Systematic Reviews 2013, Issue 5. Art. No.: CD006095. DOI: 10.1002/14651858.CD006095.pub3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]