Roman Kondratenko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roman Kondratenko
Kondratenko.jpg
12 ottobre 1857 – 5 gennaio 1915
Nato aTbilisi
Morto aPort Arthur
Cause della morteMortalmente ferito da un colpo di obice, mentre ispezionava una fortificazione
Luogo di sepolturaMonastero di Aleksandr Nevskij
Dati militari
Paese servitoRomanov Flag.svg Impero russo
Forza armataEsercito Imperiale Russo
Anni di servizio1877 - 1904
GradoLuogotenente generale
GuerreGuerra russo-giapponese
BattaglieAssedio di Port Arthur
voci di militari presenti su Wikipedia

Roman Isidorovich Kondratenko, in russo: Роман Исидорович Кондратенко? (Tbilisi, 12 ottobre 1857Port Arthur, 15 dicembre 1904), è stato un generale russo, fu un generale dell'Esercito imperiale russo famoso per la sua difesa di Port Arthur durante la guerra russo giapponese del 1904-1905..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Roman nacque a Tbilisi, Georgia, decimo figlio di un maggiore dell'esercito in pensione[2], di origini ucraine. Grazie all'aiuto di un fratello maggiore fu inviato a studiare alla scuola cadetti di Polotsk, vicino San Pietroburgo, dove ottenne una borsa di studio statale. Laureandosi con onore nel 1877 riuscì a entrare alla Istituto di ingegneria Nikolaev, ora Università tecnica-ingegneristica militare (in russo: Военный инженерно-технический университет?). Con il grado di praporshchik (corrispondente a alfiere) e venne assegnato al 1º Battaglione genio del Caucaso. Kondratenko venne ammesso all'Accademia Militare di Ingegneria nel 1879 e ne 1884 divenne un attendente dell'Accademia dello Stato Maggiore Nicolas. Dopo aver servito per un certo periodo nel dipartimento di ingegneria (1882-1894) fu messo al comando di un reggimento nel 1895 e promosso a maggior generale nel 1901[2]. Nel 1903 ricevette il comando della 7ª Divisione fucilieri della Siberia orientale[2], basata a Port Arthur.

Guerra russo-giapponese[modifica | modifica wikitesto]

Al suo arrivo a Port Arthur nel 1903 per numerosi mesi riorganizzò e migliorò le sue già massicce fortificazioni, anticipando il prossimo conflitto con l'Impero giapponese. Dopo l'inizio dell'assedio di Port Arthur fu l'anima delle difese russe, dirigendo personalmente gli sforzi dei difensori nelle aree più difficili e pericolose e sovrintendo alle riparazioni delle fortificazioni dai danni dovuti ai combattimenti. Il generale Kondratenko respise con successo quattro assalti giapponesi, usando abilmente sia le forze dell'esercito, che della marina a sua disposizione. Comunque, il 2 dicembre 1904 venne mortalmente ferito quando l'armeria di Fort Chikuan che stava ispezionando venne colpita direttamente da un proiettile di un obice giapponese da 280 mm[3]. La sua morte demoralizzò le truppe e diffuse la convinzione che la difesa della fortezza fosse ormai arrivata alla fine[3]. Diciotto giorni dopo la sua morte i generali Stoessel e Foch si arresero, consegnando Port Arthur ai giapponesi.[4]

Obelisco eretto dai giapponesi in memoria del generale Kondratenko

Dopo la sua morte il corpo venne inviato a San Pietroburgo e seppellito nel Monastero di Aleksandr Nevskij. I giapponesi eressero sul luogo della sua morte un obelisco in granito in memoria del suo coraggio.

Il suo nome venne dato al 25º Reggimento di fucilieri della Siberia orientale, a una scuola di San Pietroburgo e a un cacciatorpediniere della Marina imperiale russa[3].

Decorazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di San Stanislao (3ª classe) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di San Stanislao (3ª classe)
— 1884
Ordine di Sant'Anna (3ª classe) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Sant'Anna (3ª classe)
— 1889
Ordine di San Stanislao (2ª classe) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di San Stanislao (2ª classe)
— 1892
Ordine di Sant'Anna (2ª classe) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Sant'Anna (2ª classe)
— 1892
Ordine di San Vladimiro (4ª classe) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di San Vladimiro (4ª classe)
— 1899
Ordine di San Giorgio (4ª classe) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di San Giorgio (4ª classe)
— Port Arthur, 1904[3]
Ordine di San Giorgio (3ª classe) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di San Giorgio (3ª classe)
— Port Arthur, 1904[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kowner, p. 188-189
  2. ^ a b c Kowner, p. 188
  3. ^ a b c d e Kowner, p. 189
  4. ^ Connaughton, pp. 254-255

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Richard Connaughton, Rising Sun and Tumbling Bear, Londra, Cassell, 2003, ISBN 0-304-36657-9.
  • Geoffrey Jukes, The Russo-Japanese War 1904-1905, Osprey Publishing, 2002, ISBN 978-1-84176-446-7.
  • Rotem Kowner, Historical Dictionary of the Russo-Japanese War, Scarecrow, 2006, ISBN 0-8108-4927-5.
  • Denis Ashton Warner e Peggy Warner, The Tide at Sunrise: A History of the Russo-Japanese War 1904-1905, New York, Charterhouse, 1974, ISBN 0-7146-5256-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN4798181 · ISNI: (EN0000 0000 5408 3084 · LCCN: (ENnr92043369
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie