Rivoluzione conservatrice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lo scrittore austriaco Hugo von Hofmannsthal fu il primo ad usare l'espressione "rivoluzione conservatrice"

La rivoluzione conservatrice (Konservative Revolution) è una definizione formulata da alcuni studiosi per indicare nel loro complesso una serie di movimenti politico-culturali nati in Germania a cavallo tra le due guerre mondiali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine Konservative Revolution viene utilizzato per la prima volta il 10 gennaio 1927 dallo scrittore austriaco, di origine ebraica, Hugo von Hofmannsthal durante una conferenza a Monaco di Baviera il cui tema era "La letteratura come spazio spirituale della nazione".[1] Tuttavia nella riorganizzazione organica e bibliografica di questo complesso movimento messa a punto da Armin Mohler con il saggio del 1950 Die konservative Revolution in Deutschland 1918-1932[2] viene fatta iniziare nel 1918. Il movimento unì tutti quegli intellettuali, non di sinistra, oppositori della Repubblica di Weimar.[3]

Secondo alcuni studiosi la "Rivoluzione conservatrice tedesca" fu quell'humus culturale da cui si sviluppò il nascente nazismo[4] tuttavia dopo il 1933 (elezione di Adolf Hitler a Cancelliere del Reich) solo alcuni esponenti della "Konservative Revolution" aderirono al nazismo (Carl Schmitt), molti altri presero infatti le distanze da esso, ritirandosi a vita privata (Ernst von Salomon, Gottfried Benn) o divenendone oppositori (Thomas Mann). In Italia, Julius Evola, teorico del razzismo spirituale, fu fortemente influenzato dalla Konservative Revolution.

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Il movimento nasce da un senso di rifiuto del regime politico liberal-democratico e borghese creatosi in Germania in seguito alla sconfitta nella Grande Guerra ed alla caduta del kaiserismo. In esso si esprimono una critica sferzante al parlamentarismo e alla democrazia, definiti "la tirannia del denaro", nonché la nostalgia per i valori tradizionali della vecchia Germania. In esso si possono ravvisare tre tendenze:

  1. prussianesimo: esso prendeva a modello la Germania guglielmina e la Prussia federiciana che ne era alle origini, i cui eredi erano gli Junker;
  2. pangermanesimo: il modello era visto nel medievale Sacro Romano Impero della nazione germanica;
  3. völkisch: nel ricercare la purezza della civiltà tedesca, ci si spingeva fino alle originarie popolazioni germaniche, alle loro saghe e mitologie.

Esponenti di spicco[modifica | modifica wikitesto]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calimani, R. (1996) Destini e avventure dell'intellettuale ebreo, Milano, Mondadori, pp. 165-167
  2. ^ Accame, G. (2006), Evola e la Konservative Revolution in: Orion, n. 261, Milano, Società Editrice Barbarossa
  3. ^ Stefan Breuer, La rivoluzione conservatrice. Il pensiero di Destra nella Germania di Weimar, cit. pag. 60
  4. ^ Adriano Romualdi, Correnti politiche e ideologiche della destra tedesca dal 1918 al 1932, L'Italiano, 1989

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Armin Mohler, La Rivoluzione Conservatrice in Germania 1918-1932, La roccia di Erec, 1990
  • Alain de Benoist, Moeller van den Bruck o la rivoluzione conservatrice, Lo Rocca di Erec, 2005
  • Henning Eichberg: Il non senso della rivoluzione conservatrice. Storia delle idee, nazionalismo e habitus. In: Trasgressioni, 12 (1997) 23: 3-37.
  • Ernst Nolte, La rivoluzione conservatrice, (a cura di Luigi Iannone), Rubettino, 2009.
  • Stefan Breuer, La rivoluzione conservatrice. Il pensiero di Destra nella Germania di Weimar, Donzelli, 1995
  • Luigi Iannone, Junger e Schmitt. Dialogo sulla modernità, Armando editore, Roma, 2009.
  • Adriano Romualdi, Correnti politiche e ideologiche della destra tedesca dal 1918 al 1932, L'Italiano, 1989. Poi: Settimo Sigillo, Roma 2013 ISBN 9788861481091
  • G.S. Azzarà, Pensare la rivoluzione conservatrice. Critica della democrazia e «Grande politica» nella Repubblica di Weimar, La città del sole,2000 ISBN 9788882920517
  • G.A. Balistreri, Filosofia della Konservative Revolution: Arthur Moeller van den Bruck, Lampi di Stampa, 2004 ISBN 9788848802673
  • S. Breuer, La rivoluzione conservatrice. Il pensiero di Destra nella Germania di Weimar, Donzelli, 1995 ISBN 9788879891264
  • Marcello Veneziani, La rivoluzione conservatrice in Italia. Dalla nascita dell'ideologia italiana alla fine del berlusconismo, Sugarco, 2012 (1' ediz. 1994) ISBN 9788871986319
  • (FR) Hans Thomas Hakl, Julius Evola et la « révolution conservatrice » allemande, Deux Etendards, 2002. (sotto lo pseudonimo di H.T. Hansen)
  • La rivoluzione conservatrice europea, presentazione di Damir Barbaric, Marsilio, Venezia 2003 ISBN 8831782215

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4165059-1