Rifugio Soria Ellena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rifugio Soria Ellena
Rifugio Soria Ellena.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
Altitudine1 840 m s.l.m.
LocalitàPraiet (Entracque, CN)
CatenaAlpi Marittime
Coordinate44°08′26″N 7°21′48″E / 44.140556°N 7.363333°E44.140556; 7.363333Coordinate: 44°08′26″N 7°21′48″E / 44.140556°N 7.363333°E44.140556; 7.363333
Dati generali
Inaugurazione10 dicembre 1961
ProprietàC.A.I. - sezione di Cuneo
GestioneMary M. Bacani
Periodo di aperturaDal 15 giugno al 15 settembre e week-end dal 15 aprile al 31 ottobre. Altri periodi a richiesta e su prenotazione.
Capienza65 posti letto
Locale invernale6 posti
Mappa di localizzazione
Sito internet

Il rifugio Soria Ellena (indicato anche come rifugio Ellena-Soria) è un rifugio situato nella catena delle Alpi Marittime nel comune di Entracque, in provincia di Cuneo, a 1840 metri di altitudine.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio venne inaugurato il 10 dicembre 1961, e fu dedicato alla memoria dell'alpinista monregalese Edoardo "Dado" Soria. Nel 1979, data del primo restauro, venne aggiunta una seconda dedica ad un altro alpinista piemontese, compagno di Dado Soria, Gianni Ellena. Nel 2000 è stato restaurato per l'ultima volta, portando la capienza complessiva a 65 posti letto.

Caratteristiche e informazioni[modifica | modifica wikitesto]

È una costruzione in muratura a 3 piani, realizzata ex novo.

Dispone di 65 posti letto, in camerette da 5 o 6 posti. È dotato di impianto elettrico con alimentazione a pannelli solari, acqua corrente, servizi igienici e doccia calda. Offre servizio bar, alberghetto e ristorazione, compresa la possibilità di preparare pranzi al sacco.

D'inverno, la sottostante struttura in muratura del Gias del Prajet, a 1810 m di quota, funge da rifugio d'emergenza, con una capienza totale di 6 posti.

Accesso[modifica | modifica wikitesto]

Da San Giacomo di Entracque si trascura la diramazione che a sinistra sale alla Casa di Caccia, e si segue a piedi la strada sterrata che risale in direzione SSO il vallone sulla destra; in circa 2 ore di marcia si arriva al rifugio.

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Monte Gelas (3143 m)
  • Cima di San Robert (2919 m)
  • Cima del Ciafron
  • Cima Borello
  • Roc di Fenestrelle
  • Cima Roccati

Traversate[modifica | modifica wikitesto]

e attraverso il percorso della Grande Traversata delle Alpi:

Escursioni[modifica | modifica wikitesto]

Dal rifugio, si possono raggiungere 2 colli:

  • il colle di Finestra che sconfina in Francia e il colle di Fenestrelle che ci conduce al bacino del Chiotas e al lago Brocan
  • in circa 2 ore di cammino si può raggiungere il bel lago della Maura.

Si trova inoltre sul percorso rosso della via Alpina, di cui è punto tappa tra le tappe R143 (rifugio Morelli-Buzzi - rifugio Soria-Ellena) e R144 (rifugio Soria-Ellena - rifugio della Madonna delle Finestre, Francia).[1]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Via Alpina: tappe R143 e R144

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]