Rifugio Battaglione Alpini Monte Granero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rifugio Granero
Rifugio Granero.JPG
Rifugio Granero
Ubicazione
StatoItalia Italia
Altitudine2 377 m s.l.m.
LocalitàLago Lungo Adrech Del Laus
CatenaAlpi Cozie
Coordinate44°43′41.07″N 7°02′42.98″E / 44.728075°N 7.045272°E44.728075; 7.045272Coordinate: 44°43′41.07″N 7°02′42.98″E / 44.728075°N 7.045272°E44.728075; 7.045272
Dati generali
Inaugurazione22 luglio 1928
ProprietàCAI UGET Val Pellice
Periodo di apertura15 giugno - 15 settembre
Capienza48 posti letto
Locale invernaleBivacco (6 posti) posti
Mappa di localizzazione
Sito internet

Il rifugio Battaglione Alpini Monte Granero, spesso indicato semplicemente come rifugio Granero, è un rifugio alpino situato in alta val Pellice, ai piedi del vallone che conduce al passo Luisàs ed ai monti Granero e Meidassa

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu costruito a partire dal 1926, e venne inaugurato il 22 luglio 1928. La costruzione originale, in muratura a due piani, poteva ospitare 22 persone. Ad inizio XXI secolo è stato restaurato ed ampliato alla capienza attuale; inoltre, nel 2005, è stato dotato di una centralina idroelettrica.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È una costruzione in muratura, a due piani, posta in vicinanza del Lago Lungo, in località Adrech del Laus. Dispone di 48 posti letto; offre servizi di bar, ristorante ed alberghetto. È dotato di servizi igienici interni, docce calde, telefono pubblico e di emergenza, ed impianto elettrico a 220 V, alimentato da una centralina idroelettrica. Nel periodo di chiusura è aperto il solo locale invernale, che dispone di 6 posti.[1][2]

Accesso[modifica | modifica wikitesto]

L'accesso più comodo è dalla val Pellice. Dalla frazione Villanova di Bobbio Pellice si risale per il sentiero GTA fino all'inizio della Conca del Pra, ove sorge il rifugio Willy Jervis. Da qui si risale la conca, sempre seguendo il sentiero, dapprima in piano per un lungo tratto, poi in decisa salita fino al rifugio.[2]

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Traversate[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio si trova inoltre sul percorso della GTA.

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Nei dintorni del rifugio è possibile praticare il bouldering. Inoltre, sono disponibili tre palestre di arrampicata: la palestra del Lago Lungo, lo scudo di Pekopon ed il muro di Tannhauser.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rifugio Granero - cenni e servizi Archiviato il 27 luglio 2012 in Internet Archive.
  2. ^ a b A. Parodi, Intorno al Monviso, Parodi Editore, Arenzano (GE), 2007, ISBN 978-88-88873-08-4
  3. ^ Rifugio Granero - arrampicata Archiviato il 27 luglio 2012 in Internet Archive.

Bibliografia aggiuntiva[modifica | modifica wikitesto]

  • Giulio Berutto, Monviso e le sue valli - Vol. 2, Istituto Geografico Centrale, Torino, 1991

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]