Richthofenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Richthofenia
Immagine di Richthofenia mancante
Intervallo geologico
Stato di conservazione
Fossile
Periodo di fossilizzazione: Permiano
Classificazione scientifica
Regno Animalia
Phylum Brachiopoda
Subphylum Rhynchonelliformea
Classe Strophomenata
Ordine Productida
Sottordine Lyttoniidina
Superfamiglia Richthofenioidea
Famiglia Richthofeniidae
Genere Richthofenia

Richthofenia è un genere estinto di Brachiopodi appartenente alla famiglia Richthofeniidae[1].

Sono fossili guida dei depositi marini del Permiano (periodo che ebbe inizio 286 milioni di anni fa e durò 41 milioni di anni). La conchiglia, inequivalve, è molto tipica e presenta una forma aberrante, estremamente adattata alla vita di scogliera. La valva peduncolare (ventrale) conica, molto sviluppata, era cementata alla base e ancorata al substrato roccioso per mezzo di spine rizoidi (a forma di radici). La valva brachiale (dorsale), invece, ha forma opercolare, generalmente ben inserita nel cono della valva peduncolare e presenta, sulla superficie interna, le impronte dei muscoli dorsali adduttori a forma dendritica. La struttura del guscio risulta piuttosto complessa ed è costituita da tre strati: uno esterno compatto, uno intermedio di aspetto vescicoloso e uno interno che corrisponde a quello tipico degli altri Brachiopodi. I denti del sistema articolare sono situati sulla valva brachiale, mentre le corrispondenti cavità di alloggio si trovano sulla valva peduncolare. Questo genere rappresenta un tipico caso di convergenza morfologica con i Coralli e con le Rudiste (le Hippuritacea ad esempio), fenomeno da attribuire al fatto che tutti questi organismi colonizzavano ambienti marini simili, tipici dei domini tropicali e subtropicali.

I fossili del Permiano sono comuni e sono stati rinvenuti principalmente in Armenia, Azerbaigian, Cambogia, Cina, Iran, Pakistan e Russia[2]. Un esemplare cinese di Guangxi è datato del Carbonifero[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A. Williams, C.H.C. Brunton, S.J. Carlson, F. Alvarez, R.B. Blodgett, A.J. Boucot, P. Copper, A.S. Dagys, R.E. Grant, Y.-G. Jin, D.I. MacKinnon, M.O. Mancenido, E.F. Owen, J.-Y. Rong, N.M. Savage, D.-L. Sun., Brachiopoda, parte H, in Treatise on Invertebrate Paleontology, 4, Rhynchonelliformea, 2002.
  2. ^ Fossilworks
  3. ^ L. Li, D.L. Yang, R.L. Feng, The brachiopods and the boundary of Late Carboniferous-Early Permian in Longlin region, Guangxi, in Bulletin of the Yichang Institute of Geology and Mineral Resources, vol. 11, 1986.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Paleontologia Portale Paleontologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di paleontologia