Richard Marcinko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Richard Marcinko
21 novembre 1940
Nato aLansford
Dati militari
Paese servitoStati Uniti Stati Uniti
Forza armataMarina degli Stati Uniti
Anni di servizio1958 - 1989
GradoComandante
GuerreGuerra del Vietnam
Comandante diSEAL Team 2
Naval Special Warfare Development Group
DecorazioniSilver Star Medal
Legion of Merit
Bronze Star Medal
Navy Commendation Medal (2)
Vietnamese Cross of Gallantry
voci di militari presenti su Wikipedia

Richard "Dick" Marcinko (Lansford, 21 novembre 1940) è un militare e scrittore statunitense. Ufficiale della Marina degli Stati Uniti e reduce della guerra del Vietnam, fu il primo comandante dello United States Naval Special Warfare Development Group e fondatore della cosiddetta "Red Cell", team di Navy SEAL incaricato di testare la sicurezza delle installazioni militari statunitensi organizzando finti attacchi e infiltrazioni; ritiratosi da servizio nel 1989, divenne scrittore sia di saggi storici che di romanzi di fantasia ispirati alle sue reali esperienze militari, nonché commentatore radiofonico e consulente per produzioni cinematografiche.

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1962 al 1985 è stato sposato con Kathy Black, che aveva conosciuto da adolescente. Hanno avuto due figli: Ritchie (nato nel 1964) e Kathy (nata nel 1967).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Articoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Ethics in the war against terrorism per World Defense Review, 15 luglio 2005

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Silver Star - nastrino per uniforme ordinaria Silver Star
Legion of Merit - nastrino per uniforme ordinaria Legion of Merit
Bronze Star Medal - nastrino per uniforme ordinaria Bronze Star Medal
Navy Commendation Medal (2) - nastrino per uniforme ordinaria Navy Commendation Medal (2)
Vietnamese Cross of Gallantry - nastrino per uniforme ordinaria Vietnamese Cross of Gallantry

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN13955837 · ISNI (EN0000 0001 1744 6779 · LCCN (ENn91111830 · WorldCat Identities (ENn91-111830