Resistività di superficie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La resistività di superficie, o resistività superficiale, è una grandezza che caratterizza le proprietà di conduzione elettrica, in particolare per campioni bidimensionali o quasibidimensionali, che hanno cioè lo spessore H molto minore della larghezza W e della lunghezza L. Esempi di questi sistemi sono i wafer di semiconduttori, e in generale i film sottili.

Questa grandezza è data da

dove è la resistività. Nell'ultimo passaggio è stata usata la seconda legge di Ohm

.

L'unità di misura della resistività superficiale, nel Sistema Internazionale, è l'ohm (Ω).

Oltre agli ohm, si usano spesso come unità gli "ohm per quadrato" (indicati con "Ω/sq" (square) o " Ω/◻"), dimensionalmente uguale agli ohm, ma usati solo per la resistenza di superificie, per evitare fraintendimenti. In queste unità, il numero di quadrati di materiale è dato dal rapporto L/W. Ad esempio, un pezzo di materiale con resistenza di superficie Rs, lungo 3 mm e largo 1 mm, ovvero 3 quadrati, avrà resistenza 3Rs.

La resistività superficiale si misura direttamente con la misura a quattro terminali o il metodo di van der Pauw.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]