Regno di Diauehi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Diauehi
Dati amministrativi
Nome ufficiale დიაოხი
Diauehi
Lingue parlate Georgiano
Capitale Zua (dal XII al IX secolo)
Oltu (dal IX al VIII secolo)
Politica
Forma di governo Monarchia
Nascita XII secolo
Fine 760
Territorio e popolazione
Bacino geografico Anatolia
Religione e società
Religioni preminenti Paganesimo
Regno di Diauehi - Mappa
Il Regno di Diauehi nel XII secolo
Evoluzione storica
Preceduto da Principato d'Iberia
Ora parte di Georgia Georgia
Turchia Turchia

Il regno di Diauehi o Diauehi, era una coalizione di tribù o regni esistita dal XII secolo a.C. fino al 760 a.C. circa.[1] La più antica attestazione di questa cultura si trova nell'Anatolia; da questo luogo si diffuse lungo il fiume Kura, nel confine tra Turchia e Georgia.[2] Le città più importanti erano Zua, Utu (riconoscibile nell'odierno Oltu) e Sasilu (riconoscibile nell'odierno Tortum).[2]

Questo regno era abbastanza potente da poter contrastare le incursioni assire, ma nel 1112 a.C. il re Sien fu catturato dal re assiro Tiglatpileser I, liberandolo a condizione di vassallaggio. Nel VIII secolo a.C. l'esiguo regno fu soggetto ad incursioni da parte di Menua (810-785 a.C.) e Argishtis I di Urartu (785-763 a.C.), che miravano al rame, all'argento e all'oro presenti su quelle terre. Il regno di Diauehi fu infine distrutto nel 760 a.C. per mano del regno di Colchide.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Henri J. M. Claessen, Peter Skalnik e Walter de Gruyter, The Early State, Mouton Publishers, 1º gennaio 1978, p. 259. URL consultato il 27 giugno 2014.
  2. ^ a b G. L. Kavtaradze. An Attempt to Interpret Some Anatolian and Caucasian Ethnonyms of the Classical Sources, p. 80f.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]