Regio XI Circus Maximus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regio XI Circus Maximus
RegioXIRome2.png
Civiltà romana
Epoca dall'VIII secolo a.C. al V secolo d.C.
Localizzazione
Stato Italia Italia
Comune Roma
Amministrazione
Patrimonio Roma
Visitabile in parte

La Regio XI Circus Maximus era l'undicesima delle 14 regioni di Roma augustea classificata poi nei Cataloghi regionari della metà del IV secolo. Prese il nome dal Circo Massimo, che era il principale monumento di questa regione.

A ovest raggiungeva la sponda sinistra del Tevere, a nord confinava con la Regio VIII Forum Romanum e con la Regio X Palatium, a sudest con la Regio I Porta Capena e con la Regio XII Piscina Publica, a sudovest con la Regio XIII Aventinus.

Topografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: 14 regioni di Roma augustea.

La Regio XI augustea era principalmente costituita dal Circo Massimo e dall'area del Foro Olitorio/Foro Boario. Si sviluppava lungo la valle che separava Palatino e Aventino. Alla metà del IV secolo l'ampiezza della Regio era indicata nei Cataloghi regionari in 11.500 piedi romani, pari a circa 3.400 metri[1].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La Regio era divisa in 19 vici (rioni)[2], 19 aediculae (edicole)[3], 2.600 insulae (caseggiati)[4], 89 domus (case patrizie)[5], 16 horrea (magazzini), 15 balnea (bagni), 20 laci (fontane) e 16 pistrina (panetterie). L'area era sorvegliata da 2 curatores e da 48 vicomagistri[1].

Principali monumenti pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Monumenti di Roma antica.

I principali monumenti pubblici di questa regione erano:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cataloghi regionariREGIO XI CIRCVS MAXIMVS
  2. ^ Così riporta la Notitia; 21 vici secondo il Curiosum.
  3. ^ Così riporta la Notitia; 21 aediculae secondo il Curiosum.
  4. ^ Così riporta la Notitia; 2.500 insulae secondo il Curiosum.
  5. ^ Così riporta la Notitia; 88 domus secondo il Curiosum.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma