Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Regina Jonas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Targa di Regina Jonas[1]

Regina Jonas (in ebraico: רגינה יונאס?; Berlino, 3 agosto 1902Auschwitz, 12 dicembre 1944) è stata una rabbino ed educatrice tedesca, vittima dell'Olocausto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima donna ad essere ordinata rabbino in Germania nel 1935[2]. Morì ad Auschwitz nel 1944.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La dicitura in tedesco riporta una sua frase: "Le competenze e vocazioni che Dio ci ha posto nel cuore non fanno distinzioni di sesso. Così ognuno di noi ha il dovere, uomo o donna che sia, di agire secondo i doni che Dio ha elargito."
  2. ^ Klapheck, Elisa, Regina Jonas 1902–1944, su Jewish Women's Archive. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  3. ^ Regina Jonas | Jewish Women's Archive, Jwa.org. URL consultato il 10 febbraio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Elisa Klapheck Fräulein Rabbiner Jonas: The Story of the First Woman Rabbi, Toby Axelrod. ISBN 0-7879-6987-7
  • (EN) Elena Makarova, Sergei Makarov & Victor Kuperman University Over The Abyss. The story behind 520 lecturers and 2,430 lectures in KZ Theresienstadt 1942–1944, Verba Publishers Ltd. Gerusalemme, Israele, 2004. ISBN 965-424-049-1
  • (EN) Elizabeth Sarah Rabbiner Regina Jonas 1902–1944: Missing Link in a Broken Chain in Hear our voice: women in the British rabbinate, University of South Carolina Press, 1998. ISBN 157003088X
  • (EN) Katharina Von Kellenbach God Does Not Oppress Any Human Being' The Life and Thought of Rabbi Regina Jonas, in Leo Baeck Year Book, 1994
  • (EN) Phyllis Mack, Omar Bartov (a cura di) Denial and Defiance in the Work of Rabbi Regina Jonas" in In God's Name: Genocide and Religion in the 20th Century, Berghahn Publishers, 2000
  • Maria Teresa Milano Regina Jonas. Vita di una rabbina Berlino 1902 Auschwitz 1944, Effatà, 2012
  • (FR) Clémence Boulouque Nuit ouverte, Flammarion, Parigi, 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30394595 · ISNI (EN0000 0000 6681 4796 · LCCN (ENnr96022697 · GND (DE121507009 · BNF (FRcb16191065v (data)