Reattore nucleare BN

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Reattore nucleare BN600)
Vista della centrale nucleare di Beloyarsk che ospita il BN-600 oggi in funzione.

Il reattore BN (in russo: быстрых нейтронах[?], Bystrie Neytrony o neutroni veloci) è un reattore nucleare veloce autofertilizzante a sodio liquido studiato dall'Unione Sovietica prima e dalla Russia oggi, in varie versioni di differente potenza.

Reattore BN350[modifica | modifica sorgente]

Reattore nucleare autofertilizzante Shevchenko BN-350 e impianto di dissalazione situato sulle rive del mar caspio. La centrale nucleare poteva generare 150 MW di energia elettrica e allo stesso tempo fornire vapore per il funzionamento dell'associato impianto di dissalazione. Vista dell'interno della sala del reattore.
Unità di dissalazione BN-350. Vista dell'unica unità di dissalazione al mondo alimentata dal calore proveniente da reazione nucleare.

Il BN-350 era un reattore nucleare veloce autofertilizzante situato nella centrale nucleare di Aqtau (precedentemente conosciuta come Ševčenko dal 1964 al 1992), in Kazakistan, sulle rive del mar Caspio. La costruzione del BN-350 iniziò nel 1964 e cominciò a produrre elettricità nel 1973. Oltre a produrre elettricità per la città (150 MWe di energia elettrica), il BN-350 aveva anche la funzione di produrre plutonio e, caratteristica unica al mondo, per la dissalazione dell'acqua marina e la fornitura di acqua dolce (120 000 m³ di acqua al giorno) alla città.

La data ufficiale di conclusione del progetto era stata fissata al 1993, e nel giugno 1994 il reattore fu costretto allo spegnimento a causa della mancanza di fondi per l'acquisto del rifornimento di combustibile. Nel 1995 è scaduta la licenza operativa della centrale. Tuttavia l'impianto continuò a funzionare ben oltre le previsioni e le sue capacità, per cessare completamente ogni attività solo nel 1999, allorché il plutonio combustibile cessò di autogenerarsi per esaurimento del materiale fertile.

Reattore BN600[modifica | modifica sorgente]

Il reattore BN-600 (in russo: быстрых нейтронах[?], Bystrie Neytrony o neutroni veloci) è un reattore nucleare veloce autofertilizzante a sodio liquido situato nella centrale nucleare di Beloyarsk, a Zarečnyj (Oblast' di Sverdlovsk), Russia. L'inizio del progetto è del 1969 ed è in funzione sin dall'aprile del 1980.

Progettato per una potenza di 600 MW elettrici, fornisce normalmente 560 MW alla rete elettrica degli Urali centrali. Rispetto al Phénix o al Superphénix utilizza come combustibile ossido di uranio arricchito al 17-26%. Le parti principali del reattore sono localizzate in una piscina di sodio liquido che viene utilizzato anche come raffreddamento e fluido di lavoro ad una temperatura di 550 °C.

Il BN-600 è stato giudicato sicuro[1]. Tutti gli incidenti furono sotto il criterio "Off site impact" della scala INES, cioè trascurabili per la sicurezza. Il solo incidente di livello 1 della scala INES fu una perdita di sodio liquido dal circuito ausiliario primario del sistema di purificazione occorso il 7/10/93 ma che ha causato un insignificante rilascio in atmosfera di radiazioni equivalenti a un incremento di 0.001 del fondo di radioattività naturale nell'immediato intorno della centrale[2] .

Reattore BN800[modifica | modifica sorgente]

Reattore BN1200[modifica | modifica sorgente]

Reattore BN1600[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Documento IAEA, Pag. 5, Conclusions, Cap. 10, punto 1
  2. ^ Documento IAEA, Pag. 3, Cap. 6

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni e fonti[modifica | modifica sorgente]

energia nucleare Portale Energia nucleare: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di energia nucleare