Raffaele Corso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Raffaele Corso (Nicotera, 8 febbraio 1885Napoli, 9 luglio 1965) è stato un etnografo e antropologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio Diego e di Teresa Stilo, il padre era medico e appassionato di archeologia. Raffaele si trasferì a Napoli per frequentare l'università, dove fece la conoscenza di Benedetto Croce e di Giuseppe Pitré. Dopo essersi laureato in giurisprudenza all'Università di Napoli, mantenne stretti rapporti epistolari con il Pitré che considerò il suo maestro. Questa intensa corrispondenza fece sì che alla morte del Pitré gli venne proposto di andare a ricoprire la cattedra di demopsicologia che ricopriva all'università di Palermo.

Nel 1923 diede alle stampe la sua opera principale Folklore- Storia-Obietto-Metodo che venne edita anche in altri paesi. In precedenza aveva scritto L'arte dei pastori, (1920) e in seguito pubblicò Reviscenze (1927), Africa, cenni razziali (1941), Aspetti di vita africana (1943) e I popoli dell'Europa - usi e costumi (1948).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 0892 0491 · SBN IT\ICCU\RAVV\038305