Procapra przewalskii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gazzella di Przewalski
Immagine di Procapra przewalskii mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia Antilopinae
Genere Procapra
Specie P. przewalskii
Nomenclatura binomiale
Procapra przewalskii
Büchner, 1891

La gazzella di Przewalski (Procapra przewalskii) è un membro della famiglia dei Bovidi endemica della Cina.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La colorazione di questo animale è bruno-giallastra con macchie bianche sulla groppa. La lunghezza del corpo è di 100 cm, quella della coda 7-10 cm e il suo peso si aggira intorno ai 21-32 chili. Le corna, con le punte incurvate verso l'interno, sono presenti solo nei maschi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Una volta era molto diffusa ma ora il suo areale si è ridotto a 4 popolazioni nelle vicinanze del lago Qinghai.

Abita le aree pianeggianti, i bacini tra le montagne e le zone semidesertiche intorno ai laghi.

Etologia[modifica | modifica sorgente]

La dieta principale è composta da carici, erba e da altre piante. Solitamente si spostano in gruppi di circa 10 esemplari, che diventano molto più grandi d'inverno, quando le condizioni si fanno più estreme. Da maggio a giugno nasce un solo piccolo per figliata.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

I pericoli che minacciano questa specie sono molti. Competono per i pascoli con il bestiame domestico, il loro habitat si è ridotto notevolmente a causa dello sviluppo degli insediamenti umani e inoltre la frammentazione e la recinzione dei pascoli hanno impedito le migrazioni per la ricerca di pascoli migliori. Criticamente minacciate, ne rimangono solamente 250 esemplari e negli ultimi 3 anni è stato stimato un declino del 25%. Devono venir prese delle misure di conservazione per scongiurare l'estinzione di questa specie.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Procapra przewalskii in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi