Ponte dei Tre Paesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ponte dei Tre Paesi
Dreiländerbrücke
Passerelle des Trois Pays
Weil am Rhein - Dreiländerbrücke10.jpg
Localizzazione
StatoFrancia Francia
CittàHuningue
Weil am Rhein
AttraversaReno
Coordinate47°35′29.69″N 7°35′24.7″E / 47.591581°N 7.590195°E47.591581; 7.590195Coordinate: 47°35′29.69″N 7°35′24.7″E / 47.591581°N 7.590195°E47.591581; 7.590195
Dati tecnici
TipoPonte ad arco
Materialeacciaio
Lunghezza248 m
Altezza luce7,8 m
Larghezza5,5 m
Altezza24,75 m
Realizzazione
ProgettistaDietmar Feichtinger
Costruzione2006-2007
Mappa di localizzazione

Il Ponte dei Tre Paesi (in tedesco Dreiländerbrücke, in francese Passerelle des Trois Pays) è un ponte ad arco pedonale e ciclabile sul fiume Reno che collega Weil am Rhein, in Germania con Huningue, in Francia. Deve il suo nome alla collocazione presso la frontiera tra Germania, Francia e Svizzera.

Progettato dall'architetto franco-austriaco Dietmar Feichtinger, la costruzione è avvenuta tra 2006 e 2007. Si tratta del più lungo ponte al mondo dedicato solo a pedoni e ciclisti.

La costruzione del ponte ha richiesto l'utilizzo di 1012 tonnellate di acciaio, 1798 metri cubi di cemento e 805 metri di cavi con un diametro di 30 e 60 centimetri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il ponte fu portato vicino al porto di Huningue, poi rimorchiato a poche centinaia di metri sul Reno per essere collocato sulle sue basi il 26 novembre 2006. Accessibile dal 30 marzo 2007, il ponte è stato ufficialmente inaugurato nella notte tra il 30 giugno e il 1° luglio.

Il costo del ponte è stato di quasi 9 milioni di euro[1]di cui:

  • 1.689.000 € dall'Unione europea
  • 2.592.000 € dal land Baden-Württemberg
  • 998.000 € dalla città tedesca di Weil am Rhein
  • 3.725.000 € dalla Francia, di cui 1.900.000 € dalla Communauté d'agglomération des Trois Frontières.
  • Il ponte ha ricevuto nel 2008 il Deutscher Brückenbaupreis, il premio tedesco per la costruzione di ponti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gerhard Mehlhorn (Hrsg.): Handbuch Brücken: Entwerfen, Konstruieren, Berechnen, Bauen und Erhalten. Springer, Berlin/ Heidelberg 2010, ISBN 978-3-642-04422-9, S. 129.
  • Ursula Baus, Mike Schaich: Footbridges. Birkhäuser Verlag, 2007, ISBN 978-3-7643-8139-4, S. 176–177.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]