Polo delle telecomunicazioni di Cassina de' Pecchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Con Polo delle telecomunicazioni di Cassina de' Pecchi si intende l'insieme delle aziende che a partire dagli anni sessanta del novecento hanno operato nel settore delle telecomunicazioni nel territorio di Cassina de' Pecchi.

Il polo nacque nel 1961 come joint-venture tra l'italiana Magneti Marelli e la statunitense Lankurt.[1]. Nel 1964 diventa Società Generale di Telefonia ed Elettronica SpA [2]. La produzione più importante era delle apparecchiature dei ponti radio, allora di grandi dimensioni e in seguito sempre più miniaturizzatesi. Nel 1971 la società diventa diventa GTE Telecomunicazioni SpA; nel 1988 Siemens Telecomunicazioni SpA; nel 1996 Italtel SpA; nel novembre 1999 Siemens Information and Communication network; nel luglio 2002 Siemens Mobile Communications SpA; nell'ottobre 2005 Siemens SpA e nel gennaio 2007 il ramo di azienda denominato "COM Carrier" viene trasferito in Siemens Networks SpA; e infine Nokia Siemens Networks: nel 2007 vi lavoravano 1500 addetti. [3] e nella Jabil e indotto altre 2000[4] Tra le aziende lì localizzate c'era la Sirti, all'epoca grande gruppo tra i leader del settore e dal 1985 quotata in borsa[5].

Il settore ha avuto un drastico ridimensionamento[6] Il Polo tecnologico di Cassina de Pecchi era ricompreso nel Distretto industriale nr. 9 - EST MILANESE (apparecchiature elettriche, elettroniche e medicali).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Naturalmente cernusco
  2. ^ Senato
  3. ^ Senato
  4. ^ Corriere
  5. ^ Sirti[collegamento interrotto]
  6. ^ Corriere