Pitidemo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pitidemo (in greco antico: Πειθιδήμος, Peithidémos; ... – ...) è stato un politico ateniese, arconte eponimo nel 269/268 a.C..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pitidemo fu arconte eponimo della città di Atene nel 269/268 a.C., quindi nel periodo in cui Atene aveva riacquisito autonomia dall'egemonia del regno di Macedonia.[1] Nell'agosto del 269 a.C. venne approvato l'importante decreto di Cremonide, che sancì l'alleanza tra Atene e Sparta e la conseguente guerra cremonidea; questa guerra vide lo scontro tra Atene, Sparta di Areo I ed Egitto tolemaico di Tolomeo II da un lato, e regno di Macedonia di Antigono II Gonata dall'altro.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Byrne 2005, p. 178.
  2. ^ Byrne 2005, p. 179.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sean G. Byrne, Four Athenian Archons of the Third Century BC, in Mediterranean Archaeology, 19/20, Proceedings of the 25th Anniversary Symposium of the Australian Archeological Institute at Athens: Athens 10–12 October, 2005, pp. 169-179.