Piramide di Ahmose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piramide di Ahmose
Pyramid of Ahmose, Abydos, 1998.png
Piramide di Ahmose ad Abydos
Utilizzocenotafio
EpocaNuovo Regno
Localizzazione
StatoEgitto Egitto
GovernatoratoMatruh
Altitudinen,d, m s.l.m.
Dimensioni
Superficien,d, 
Altezza40 metri
Larghezza52,5 metri=100 cubiti
Inclinazione60 gradi
Amministrazione
EnteMinistry of State for Antiquities
Mappa di localizzazione

Coordinate: 26°10′32.58″N 31°56′16.02″E / 26.175717°N 31.937782°E26.175717; 31.937782

La piramide di Ahmose venne fatta edificare da Ahmose, sovrano egizio fondatore della XVIII dinastia, ad Abydos, come cenotafio per sé.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Cronologicamente è l'ultima piramide regale costruita in Egitto.

Venne realizzata con sabbia e detriti litici: solo la consueta copertura in pietra calcarea conferiva una qualche stabilità alla struttura.
Aveva una base quadrata di 52,5 metri, pari a 100 cubiti,[1] ed un'altezza di circa 40 metri; doveva quindi apparire piuttosto "ripida", con un angolo di inclinazione di 60°. Allo stato attuale, di essa non rimane che un poggio di detriti alto una decina di metri.

L'edificio venne esplorato per la prima volta nel 1899 da Arthur Mace e Charles Trick Currelly. Nel 1993 Stephen P. Harvey condusse consistenti scavi archeologici nella zona circostante la piramide.

A riprova del fatto che si tratta di un cenotafio, non venne realizzata alcuna camera funeraria; nell'area circostante però vennero edificati alcuni templi ed un'altra piccola piramide con tempio funerario – anch'essa un cenotafio – dedicata alla nonna di Ahmose, la regina Tetisheri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peter Jànosi, Le piramidi, pag. 122

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]