Pieve di San Pietro a Figline

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pieve di San Pietro a Figline
San Pietro Pieve 45.jpg
La Pieve di San Pietro a Figline
StatoItalia Italia
RegioneToscana Toscana
LocalitàPrato
Religionecattolica
TitolarePietro
Diocesi Prato

Coordinate: 43°55′24.67″N 11°05′28.88″E / 43.923519°N 11.091356°E43.923519; 11.091356

La pieve di San Pietro sorge in via Vecchia di Cantagallo a Figline di Prato, frazione settentrionale del comune di Prato.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Interno

L'edificio è costruito in filaretto di alberese, il cui nucleo iniziale, del XII secolo, fu rialzato tra fine Duecento e 1330, quando vennero costruiti il transetto e il campanile a torre. Nel sobrio, luminoso interno restano affreschi piuttosto frammentari, oggetto di restauro negli anni'70 e che dovevano probabilmente ricoprire tutta la superficie parietale. Tale decorazione ad affresco parte dalla prima metà del XIV fino agli inizi del XVI secolo.[1] Troviamo raffigurazioni tardo trecentesche di ambito geriniano (Madonna del latte, Quattro santi), un piacevole San Michele (1512), opera di Girolamo Ristori, e nel transetto un'Ultima Cena, una Crocifissione (1325 circa) e un imponente San Cristoforo, del primo Trecento. A sinistra dell'arco trionfale è posto un ciborio rinascimentale a tempietto.

Il Museo della pieve[modifica | modifica wikitesto]

Dalla chiesa è accessibile il piccolo Museo della pieve (inaugurato nel 1973), che espone materiale di scavo, alcuni catini "figlinesi" e resti di matrici a impressione per catini (XIV secolo), oltre a suppellettile sacra della pieve (notevoli un Calice con smalti quattrocentesco e una Croce processionale del XVI secolo), e ad alcuni dipinti: una tavola col Battista (1435 circa), di Bartolomeo Bocchi, una pala di Tommaso di Piero (Madonna col Bambino e santi, 1529), ultima opera attribuibile al pittore pratese, e una tela di Giovan Pietro Naldini (La consegna delle chiavi a san Pietro, 1630 circa).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luciano Bellosi, Come un prato fiorito: studi sull'arte tardogotica, 2000, p. 83

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Gurrieri e G. Maetzke, La pieve di Figline di Prato, Prato 1973

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]