Pietro da Collemezzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro da Collemezzo
cardinale di Santa Romana Chiesa
Pierre de Colmieu.jpg
CardinalCoA PioM.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Natonel XII secolo nella campagna romana[1]
Nominato arcivescovo4 aprile 1236, confermato il 12 agosto 1236
Consacrato arcivescovo9 agosto 1236 dal vescovo Guillaume Otilles
Creato cardinale28 maggio 1244 da papa Innocenzo IV
Decedutoverso metà 1253[1] ad Assisi
 

Pietro da Collemezzo, o anche de Colmier[2], oppure Pierre de Colmieu, o de Colmoyen o de Colmy[2], o Petrus de Collemedio[2] (... – Assisi, 1253), è stato un arcivescovo cattolico e cardinale italiano. Può essere considerato uno dei più importanti esponenti del collegio cardinalizio della prima metà del Duecento[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Originario della campagna romana[1], nonostante molti storici in passato ne abbiano riconosciuto i natali francesi[1], non si conosce con esattezza la sua data di nascita, avvenuta comunque presumibilmente nell'ultimo quarto del XII secolo. Non si sa quasi nulla della sua formazione né del periodo antecedente al 1217, anno in cui compare per la prima volta nelle fonti, col titolo di magister, ottenuto probabilmente all’Università di Parigi, dove sembra che abbia insegnato nei primi decenni del XIII secolo.

La carriera curiale e diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

Anche se non si conosce l'anno preciso, fu in giovane età che Pietro entrò a far parte della curia romana, nell'ambito della quale ricoprì le cariche di suddiacono, auditor e cappellano papale. Intensa fu anche la sua carriera diplomatica: nel 1218 partecipò ad un'ambasceria in Inghilterra al seguito di Pandolfo, futuro vescovo di Norwich ed è menzionato in una lettera di Enrico III del 17 gennaio 1220. Tra il 1220 e il 1226 risiedette a Parigi come rappresentante di papa Onorio III, che lo incaricò di svolgere alcune missioni di fiducia.

A partire dal 1229 fu al servizio del cardinale legato Romano Bonaventura, rappresentandolo nella legazione contro gli albigesi e al quale nel 1230 succedette in qualità di nunzio nella Francia meridionale. Durante la sua lunga permanenza in Francia, prima come rappresentante di papa Onorio III e poi al servizio del cardinale Romano Bonaventura, dedicò grandi energie alla soluzione dei problemi politico-religiosi di quelle regioni; in particolare ebbe un ruolo attivo nel consolidamento della pace conclusa il 12 aprile 1229 tra Luigi IX e Raimondo VII, conte di Tolosa. Fu titolare di numerose prebende: fu canonico delle cattedrali di Amiens e di Thérouanne nel 1229, presiedette alla prepositura di Saint-Omer almeno dal 21 febbraio 1230 al dicembre 1236 e fu ripetutamente richiesto come vescovo da diversi capitoli di canonici elettori (Châlons-sur-Marne nel 1226 e Tours nel 1229), grazie all'ottima reputazione che si era costruito per lo zelo con il quale si era dedicato ai problemi pastorali.

Grazie alle pressioni di alte personalità politiche e religiose, venne eletto alla cattedra arcivescovile di Rouen, dove venne consacrato il 9 agosto 1236. La consacrazione fu confermata da papa Gregorio IX il 12 agosto successivo. Anche sotto il pontificato di papa Innocenzo IV è attestata la sua lunga permanenza a Lione e la sua attività come protagonista di numerose missioni legatizie, in Belgio, in Germania e in Italia (nel 1252 fu inviato come legato pontificio prima in Puglia e poi in Toscana).

Il 28 maggio 1244, a coronamento di una carriera trentennale durante la quale aveva contribuito attivamente al bene della Chiesa, papa Innocenzo IV lo nominò cardinale vescovo di Albano.

La prigionia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1241 fu inviato a Roma per prendere parte al concilio indetto da papa Gregorio IX per scomunicare Federico II, il quale fece intercettare, presso l'Isola del Giglio, la flotta che trasportava parte del clero che si recava a Roma, rendendo impossibile lo svolgimento del concilio. Molti prelati furono imprigionati e Pietro da Collemezzo fu tra questi. Fu liberato probabilmente solo nel 1243, anno in cui fu inviato dal papa proprio presso l'imperatore svevo per tentare di ottenere una tregua dalle ostilità.

Il conflitto tra clero secolare e ordini mendicanti[modifica | modifica wikitesto]

Nel conflitto che oppose il clero secolare agli ordini mendicanti per il controllo dell'Università di Parigi, Pietro da Collemezzo fu uno dei maggiori sostenitori dei maestri secolari parigini e appoggiò la loro causa dall'interno della curia. Si attirò in questo modo le ire dei mendicanti, che alla sua morte, sopraggiunta in uno dei momenti più aspri della contesa, lo condannarono alla damnatio memoriae, tramandando una descrizione umiliante della sua morte.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Testi domenicani e francescani raccontano[3] che il cardinale sarebbe morto in seguito ad un banale incidente e che i membri del suo seguito, totalmente disinteressati alle sue sorti, si sarebbero impossessati di tutti i suoi beni, senza prestargli alcun soccorso.

Rimane incerta la data esatta della sua morte[1], avvenuta comunque ad Assisi attorno alla metà del 1253 e certamente prima del 30 ottobre, quando l’amministrazione della diocesi di Albano fu affidata da papa Innocenzo IV al vescovo di Bari Enrico Filangieri[4].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f DBI
  2. ^ a b c (EN) Salvador Miranda, COLMIEU, Pierre de, su fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, Florida International University. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  3. ^ Thomae Cantimpratensis, Bonum universale de apibus, a cura di É. Berger, Parigi, 1895, pp. 6, 64
  4. ^ FILANGIERI, Enrico, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 47, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997. URL consultato il 14 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Agostino Paravicini Bagliani, Cardinali di curia e ‘familiae’ cardinalizie dal 1227 al 1254, I-II, Padova 1972, I, pp. 168-185
  • Id., Die Polemik der Bettelorden um den Tod des Kardinal Peter Von Collemezzo (25 mai 1253), in Aus Kirche und Reich, Studien zu Theologie, Politik und Recht im Mittelalter. Festschrift für Friedrich Kempf zu seinem 75. Geburtstag und fünfzigjährigen Doktorjubiläum, a cura di H. Mordek, Sigmaringen 1983, pp. 355-362

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN58150565742406252560