Pietro Cambiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pietro Cambiani da Ruffia (Ruffia, 1320Susa, 2 febbraio 1365) è stato un presbitero italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Tribunale dell'Inquisizione ebbe tra i devoti a san Domenico molti importanti esponenti, tra cui Pietro Cambiani. Egli prese gli abiti religiosi nel Convento di Savigliano abbandonando la ricchezza della sua famiglia nobile.[1]

Le sue qualità gli attirarono lo sguardo dei superiori, i quali lo obbligarono a fare carriera ecclesiastica, di cui intuirono buoni sviluppi. La fama che presto si acquistò, presso i religiosi, di "santo" e di dotto predicatore giunse fino a Roma, a papa Innocenzo VI, il quale lo nominò nel 1351 Inquisitore Generale per tutta l'Alta Italia.[1]

Gli eretici gli tesero un agguato il 2 febbraio 1365, pugnalandolo a Susa, dove si trovava ospite dei Frati Minori.[2] Il suo corpo, dapprima sepolto nella città ove morì, nel 1516 è stato trasferito a Torino, nella chiesa di San Domenico.[3]

Papa Pio IX, il 4 dicembre 1856, ha confermato il culto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Enrico Bassignana, Guida alla Torino incredibile - Magica e misteriosa, p. 129.
  2. ^ Enrico Bassignana, Guida alla Torino incredibile - Magica e misteriosa, pp. 129-130.
  3. ^ Enrico Bassignana, Guida alla Torino incredibile - Magica e misteriosa, p. 130.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]