Piero Benedetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Piero Benedetti (Castel del Piano, 17 ottobre 1876Pisa, 16 marzo 1933) è stato un matematico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi liceali, si iscrisse alla Facoltà di Scienze dell'Università di Pisa, venendo, al contempo, ammesso quale allievo della Scuola Normale Superiore. Si laureò in matematica nel 1898, quindi passò subito all'insegnamento nelle scuole pubbliche.[1]

Membro del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione nonché presidente della Federazione nazionale degli insegnanti delle scuole medie, ebbe per incarico l'insegnamento di matematiche complementari all'Università di Pisa. Contemporaneamente, fin dal conseguimento della laurea, condusse ricerche principalmente in geometria algebrica, ponendo attenzione anche alle questioni connesse ai fondamenti della geometria, le cui pubblicazioni gli permisero di vincere il premio ministeriale della R. Accademia dei Lincei.

Collaboratore dell'Enciclopedia delle Matematiche Elementari e Complementi, pubblicò altresì apprezzati testi didattici e manuali assieme a Carlo Rosati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si considerino le brevi notizie biografiche dell'autore anteposte ad un suo contributo all'Enciclopedia delle Matematiche Elementari e Complementi, Volume II, Parte I, Art. XXI, p. 1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90322140 · SBN IT\ICCU\SBLV\038744 · WorldCat Identities (ENviaf-90322140